Rapatenni’s, la novità: "Sono tre sport in uno"

La disciplina si gioca con le regole del tennis, palla da beach tennis e racchetta da padel. Liverani (Federazione Italiana): "Lo promuoviamo a scuola".

20 dicembre 2023
Rapatenni’s, la novità: "Sono tre sport in uno"
Rapatenni’s, la novità: "Sono tre sport in uno"

Tre sport fantastici in un’unica disciplina. È questo il credo del rapatenni’s, nato dall’intuizione del faentino Lamberto Liverani, vicepresidente della Federazione Italiana Rapatenni’s: si gioca con le regole del tennis, la palla da beach tennis e la racchetta da padel. Le partite si disputano su un campo in erba sintetica con i corridoi come il tennis, 16 metri per 8 nel doppio e 16x5 nel singolo. Tra gli appassionati anche il comico Gene Gnocchi che si è spesso cimentato in questa disciplina, diventandone praticamente il volto.

"Il nostro rapatenni’s – spiega lo stesso Liverani – è davvero semplice da imparare e da giocare: non c’è un’età specifica per praticarlo, può farlo chiunque abbia voglia di muoversi un po’ e fare un po’ di sport senza spremersi in un eccessivo impegno fisico. La rete è alta come quella del tennis, ma con le maglie larghe, in modo che la palla si possa raccogliere senza fatica, passando da una parte all’altra. Il gioco offre un effetto soft, dato dall’impatto della palla da beach tennis con la racchetta da padel. Ma è davvero piacevole: la palla va più piano rispetto a tennis e padel e ci si può divertire davvero tanto, anche con i riflessi un po’ più appannati. Stavamo cercando un nuovo gioco con palla e racchetta e ci è venuta questa intuizione. Un’intuizione divenuta realtà che sta spopolando nelle scuole della Romagna".

In questo momento, l’impegno di Liverani e degli altri appassionati come lui che stanno lanciando il rapatenni’s è quello di farlo conoscere nelle scuole: "Ci stiamo rivolgendo ai giovani delle scuole di tutta la Romagna che hanno accolto il nostro sport con grandissimo interesse. Ormai sono migliaia quelli che l’hanno provato: mi sto impegnando molto per farlo conoscer negli istituti scolastici e, quindi ai giovani del territorio che stanno mostrando un grandissimo apprezzamento. Lavoriamo anche con i Rioni a Faenza per lanciare anche il Palio del Rapatenni’s, in una sfida che appassionerebbe con certezza i faentini ma ovviamente non solo loro".

u.b.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su