Romagna Rfc, ascolta la voce di Tosh Askew: "Fra i gruppi migliori che abbia mai visto"

L’allenatore inglese traccia un bilancio della prima parte di stagione: "I ragazzi stanno assimilando il metodo di gioco e i risultati si vedono"

6 dicembre 2023
Romagna Rfc, ascolta la voce di Tosh Askew: "Fra i gruppi migliori che abbia mai visto"
Romagna Rfc, ascolta la voce di Tosh Askew: "Fra i gruppi migliori che abbia mai visto"

La settimana di sosta del campionato di rugby di serie B, per il Romagna Rfc è stata l’occasione per ricaricare le batterie dopo un mese particolarmente intenso che ha visto la squadra cesenate proseguire in positivo la sua marcia e mantenere il comando della classifica. Ma è stata anche l’occasione giusta per fare un po’ il punto della situazione dopo un avvio stagione particolarmente positivo e soddisfacente che però non deve portare nessuno a sedersi sugli allori perché la strada per il traguardo finale - il ritorno in serie A - è ancora lunga e impegnativa.

A tirare un po’ le fila del percorso compiuto fino a questo momento è stato l’allenatore dei ragazzi romagnoli, Tosh Askew, inglese, classe 1955, originario dello Yorkshire: "Quando mi è stato presentato il progetto del Romagna – ricostruisce il tecnico - sono rimasto davvero molto colpito. Ho trovato una bella realtà, che sta facendo cose eccellenti, con tante persone molto coinvolte e appassionate e veramente dentro al progetto: penso che questo sia fantastico e sono molto felice di farne parte. La cosa che più mi ha colpito è che il Romagna Rfc si basa su giocatori locali e sul creare un legame di affinità e di fedeltà al club. Non ci sono giocatori professionisti, ma sono tutti ragazzi che lavorano o studiano, che giocano perché amano farlo e questo, dal punto di vista dell’allenatore, rende il lavoro con loro molto migliore".

Askew è un nome importante ed un allenatore di grande caratura ed esperienza internazionale: "Nel corso degli anni ho frequentato molti club di rugby in tutto il mondo, e posso dire che questo è uno dei migliori gruppi in termini di personalità e volontà di apprendere che ho avuto il piacere di allenare e con cui ho mai avuto a che fare. Ci sono ottimi giocatori, molto capaci; quello su cui c’è da migliorare è la comprensione del gioco, che non è buona come potrebbe invece essere e come spero potrà diventare. Penso che per ogni giocatore sia fondamentale capire come sfruttare al meglio le proprie qualità e capire come utilizzarle per essere d’aiuto alla squadra. In questi primi mesi ci siamo concentrati sul metodo di gioco. C’è voluto del tempo per accettarlo e per assimilarlo, ma ora che i ragazzi lo stanno iniziando a fare loro si vedono i risultati. Se migliora la qualità dell’allenamento, migliorano di conseguenza anche le prestazioni durante le partite. Anche lo staff sta facendo un grande lavoro di squadra e questo è un aspetto fondamentale. Voglio ringraziare tutti quanti, a partire da Simone Luci, - prosegue Askew - per l’impegno con cui seguono la squadra e per avermi accolto, ascoltandomi e permettendomi di fare dei cambiamenti".

Rotto il ghiaccio con questa nuova realtà, Askew ha le idee molto chiare sul proseguimento della stagione e sull’approccio che la squadra dovrà avere: "Quello che dobbiamo fare è restare concentrati, in tutte le partite. Dobbiamo essere coerenti e coraggiosi, giocare per divertirci ma anche per far divertire. Per quanto mi riguarda alleno per questo motivo, perché le persone provino piacere dal giocare, allenare o dal guardare la partita, insomma perché ogni partita sia una esperienza bella e piacevole per tutti, giocatori, tecnici, spettatori. Io penso che il rugby sia questo e spero di riuscire a farlo con il Romagna Rfc: sono nel rugby professionistico da molti anni, un mondo in cui non è sempre facile stare, per cui far parte di un progetto come questo mi dà la carica, è un’esperienza nuova che sono davvero contento di vivere".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su