Unahotels Reggio in vantaggio nei quarti playoff e si porta sul 2-1

Batte Venezia 78-66. Sabato in via Guasco il match-ball per approdare in semifinale. Un grandissimo Chillo e l'esperienza di Smith conducono i biancorossi al successo dopo una gara dominata per 3 quarti nonostante il brivido finale

di GABRIELE GALLO -
16 maggio 2024
Michele Vitali esulta

Michele Vitali esulta

Reggio Emilia, 16 maggio 2024 – Una grande Unahotels si impone sulla Reyer Venezia e passa a condurre 2-1 nella serie dei quarti playoff. I biancorossi dominano per tre quarti, dando una lezione tecnica, tattica e di intensità agli avversari, contenendo poi, dopo aver accusato una comprensibile stanchezza, la loro reazione nell’ultimo quarto. Mvp della serata l’ex di turno, Matteo Chillo, che sforna una prestazione grintosa e performante sui due lati del campo. Ben coadiuvato dal veterano Smith. Sabato alle 20.45 si torna in campo per gara 4, sempre in via Guasco. Con Reggio che si è guadagnata il match-ball per chiduere la serie.

Clima infernale ma corretto al PalaBigi, pubblico a trascinare come non mai e l’Unahotels inizia con entusiasmo e gioco corale, Venezia è comunque sul pezzo e di fisico contiene l’onda. Si segna poco perché le retroguardie sono arcigne ed è una bella fase di Smith a consentire ai biancorossi di chiudere leggermente avanti la prima frazione.

Nella seconda la fisicità e l’intensità si alzano almeno di un altro tono, la truppa di Priftis è estremamente combattiva ma spende anche molte energie. Tuttavia con un preciso Atkins e un solido Faye si costruisce un buon abbrivio a metà periodo, costringendo Spahija a un altro time-out.

Ma la Reyer ne esce malissimo perché i padroni di casa sull’asse Galloway-Smith arrivano a toccare il +14 (37-23) approdando all’intervallo lungo col vantaggio inalterato e l’obiettivo di provare a dare un’ulteriore spallata o in subordine di contenere la reazione orogranata. Nei primi minuti pare concretizzarsi la prima ipotesi: con la “verve” di Chillo e una decisa aggressività la Pallacanestro Reggiana manda fuori giri i lagunari e al 5’ lo score indica un deciso +20 interno (54-34). Agli ultimi 10’ Galloway e compagni arrivano 17 punti avanti.

La temuta reazione veneta arriva nei primi minuti del quarto: un fulmineo 8-0 propiziato anche da un paio di disattenzione arbitrali, fa tornare la compagine dell’ex De Nicolao sotto la doppia cifra di svantaggio. Priftisi decide che è il momento di parlarci sopra e dalla sospensione la sua squadra, ma l’uscita per falli di Black certo non aiuta, in quella che è diventata una vera e propria battaglia, Reggio. Gli orogranata mettono le mani addosso, Tucker diventa immarcabile e a metà frazione tornano a -5. Ma la Reyer non ha fatto i conti col desiderio dell’Unahotels di regalare una grande gioia al proprio pubblico: Smith si prende la squadra in spalla con giocate d’autore che lo mandano in lunetta a ripetizione, la “verve” di Chillo fa il resto. A un minuto dalla fine Reggio è a +9 e chiude i conti.

Il tabellino

UNAHOTELS: Weber 5, Galloway 5, Faye 7, Smith 18, Uglietti 2, Atkins 8, Black 10, Vitali 5, Grant 2, Chillo 16. N.e.: Bonaretti e Cipolla. All.: Priftis. UMANA: Spissu 12, Heidegger 7, Casarin 2, De Nicolao 2, Kabengele 2, Parks 6, Brooks, Simms 10, Wiltjer 7, Tucker 15, Tessitori 3. N.e.: Janelidze. All.: Spahija Arbitri: Michele Rossi, Mark Bartoli, Denis Quarta Parziali: 18-16, 41-27, 64-47 Note: spettatori 3738; tiri da 3: Unahotels 3/18, Umana 5/23; tiri liberi: Reggio Emilia 21/26, Venezia 19/26. Uscito per 5 falli: Faye e Black.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su