Vince la Reyer con brivido finale. Reggio rimonta da -21 a -5

Il super Galloway dell'ultimo quarto ammutolisce un PalaTaliercio ormai sicuro del successo. L'Umana va sull' 1-1 ma i biancorossi mostrano di essere ampiamente in corsa per il passaggio del turno. Giovedi gara 3 al PalaBigi

di GABRIELE GALLO -
13 maggio 2024
Umana Reyer Venezia - Unahotels Pallacanestro Reggiana, un momento del match (foto Ciamillo)

Umana Reyer Venezia - Unahotels Pallacanestro Reggiana, un momento del match (foto Ciamillo)

Reggio Emilia, 13 maggio 2024 – Alla fine la vince la Reyer ma l’Unahotels, dopo avere a lungo vivacchiato ai margini della partita con un’aggressività inferiore a quella di gara 1 e tantissimi errori al tiro, dimostra di essere in grado di competere con gli orogranata con un ultimo quarto di ottima fattura e una buona prestazione generale dei suoi gregari. Adesso si lascia la laguna e si torna nella “torcida” di via Guasco, che darà il massimo per spingere Galloway e soci a centrare quei due successi casalinghi che gli permetterebbero di vincere la serie. Intanto però è 1-1. Nei minuti iniziali, troppi errori offensivi e, dall’altro lato, altrettante incertezze difensive, biancorossi, provocano il primo break del match; che a differenza di gara1 stavolta è a favore della Reyer: 13-6 al 6’. Rispetto alla durezza messa in mostra nel precedente scontro, stavolta l’Unahotels è decisamente molle.

L’ingresso dei gregari Uglietti e Chillo frutta però una svolta emotiva: i biancorossi fermano l’onda e alla prima sirena sono sotto di sette lunghezze. Nel secondo periodo arriva un’altra spallata orogranata: break di 12-4 e +15 interno. A tenere in linea di galleggiamento la truppa di Priftis sono ancora le seconde linee biancorosse, ma il margine di vantaggio con cui l’Umana perviene all’intervallo lungo è, per i lagunari, rassicurante. Nel terzo periodo il trend della contesa non cambia, la Reyer mantiene l’iniziativa, gli emiliani non naufragano ma navigano in acque tempestose, penalizzati puri da basse percentuali al tiro. I padroni di casa sfiorano superano anche le 20 lunghezze di margine, ma gli ospiti hanno il merito di non farsi travolgere completamente. Ad ogni modo agli ultimi 10’ si arriva sul 64-45 pro Reyer. Il quarto conclusivo si apre con un bel momento Unahotels: la “garra” di Grant e Uglietti, un Galloway finalmente efficace, e i biancorossi piazzano un break di 14 a 5 che li riporta a -10 (69-59) a metà frazione. Quando poi Galloway sale ulteriormente in cattedra il margine si riduce a sei lunghezze. Il fattore tempo però è contro capitan Vitali e compagni, che avendo speso anche molte energie per riavvicinarsi, non riescono a coronare la rimonta.

Il tabellino

VENEZIA 83

UNAHOTELS 75

UMANA: Spissu 18, Heidegger 9, Casarin 8, De Nicolao, Kabengele 15, Parks 6, Brooks, Simms 3, Wiltjer 10, Tucker 10, Tessitori 4. N.e.: Janelidze. All.: Spahija UNAHOTELS: Weber 9, Galloway 26, Faye, Smith 5, Uglietti 9, Atkins, Black 8, Vitali 2, Grant 7, Chillo 9. N.e.: Bonaretti e Cipolla. All.: Priftis. Arbitri: Saverio Lanzarini, Guido Giovannetti, Edoardo Gonella Parziali: 23-16, 43-29, 64-45 Note: tiri da 3: Umana 10/25, Unahotels 11/32; tiri liberi: Venezia 21/30, Reggio Emilia 12/21. Uscito per 5 falli: Weber.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su