Carrarese al lavoro. Di Gennaro lancia la sfida: "Attenzione alla Fermana. La classifica è bugiarda»

Allenamento differenziato per Pinto, Grassini, Belloni, Zuelli e Capezzi .

di GIANLUCA BONDIELLI -
3 gennaio 2024
Di Gennaro lancia la sfida: "Attenzione alla Fermana. La classifica è bugiarda"
Di Gennaro lancia la sfida: "Attenzione alla Fermana. La classifica è bugiarda"

La Carrarese ha sostenuto ieri la prima doppia seduta dell’anno con circuito in palestra la mattina e lavoro pomeridiano improntato su esercitazioni tecnico-tattiche con fasi di possesso palla e “partitina“ finale. Da oggi a venerdì compreso Alessandro Dal Canto effettuerà solo sedute singole. Al momento stanno svolgendo lavoro differenziato Pinto, Grassini, Belloni, Zuelli e Capezzi. A parlare in casa azzurra è Matteo Di Gennaro, difensore goleador con le sue 3 reti all’attivo, che inquadra innanzitutto la gara di sabato a Fermo.

"La Fermana viene da un finale di girone di andata con risultati positivi – spiega il centrale –. Non deve ingannare la sua classifica. Nel ritorno è notoriamente più difficile fare punti perché pesano di più e dovremo essere ancora più intensi e volitivi per portarli a casa. Una squadra che ambisce a vincere come la nostra deve mostrare mentalità ovunque e tramutare le prestazioni in vittoria anche in trasferta. Dobbiamo partire forte per cercare di ridurre il gap di punti con il duo di testa che possiamo certamente avvicinare per poi vedere, a qualche gara dal termine, se contendere il campionato o proiettarsi ai playoff da protagonisti".

Di Gennaro fa il punto della situazione: "I punti raccolti sono un gran bel bottino ma, evidentemente, manca qualcosa per essere alla pari con Cesena e Torres che hanno raggiunto quote da record ma che possono rallentare e commettere qualche passo falso. La nostra solidità difensiva è frutto del duro lavoro settimanale e del fatto che sappiamo difendere singolarmente, di reparto ma soprattutto di squadra restando sempre corti e compatti in campo. Ora dobbiamo pensare ad aggiungere qualche gol in più non solo degli attaccanti. Il salto di qualità va fatto soprattutto fuori casa".

Il difensore conclude con il suo bilancio personale. "La scelta di Carrara si è rivelata azzeccata. Sono un perfezionista e avrei voluto giocare tutte le partite ma sono soddisfatto per essermi fatto trovare pronto quando chiamato in causa rendendomi utile anche con qualche gol da palla inattività che è un’arma importante per sbloccare gare molto tirate. La nostra squadra ha valori assoluti e penso ancora che possa vincere il campionato. Stiamo facendo una stagione di alto livello e limitando gli errori e concedendoci dei filotti di risultati positivi potremmo magari provare a renderla straordinaria perché per esperienza, qualità e mole di gioco non esiste reale differenza con le prime due della classe".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su