Daspo scattato per la partita di Jesi. Atti osceni verso il pubblico di casa. Denunciato tifoso biancorosso

Un ultras della Maceratese è stato denunciato per atti osceni in luogo aperto al pubblico. Il questore ha emesso un Daspo di 5 anni ed ha proposto al Gip l'obbligo di presentazione all'autorità di pubblica sicurezza per 2 anni.

20 dicembre 2023
Atti osceni verso  il pubblico di casa. Denunciato tifoso biancorosso
Atti osceni verso il pubblico di casa. Denunciato tifoso biancorosso

Tifoso della Maceratese a mo’ di sfottò si denuda e urina verso la tifoseria leoncella: incastrato dalle telecamere e denunciato, si becca pure il Daspo urbano. Si tratta di un 40enne che aveva alle spalle due Daspo. La partita è Jesina-Maceratese del 3 dicembre. Quasi al termine del match, con i locali in vantaggio, un 40enne ultras della Maceratese, urinava rivolto alla tifoseria avversaria a mò di sfottò, incurante della presenza di bambini. L’atto osceno ha scatenato la rabbia della curva jesina che in massa si avvicinava a ridosso dell’area cuscinetto colpendo con i calci l’inferriata. Solo l’intervento delle forze di polizia ha riportato la calma. I poliziotti hanno annotato i dettagli dell’accaduto e, grazie alle telecamere, la Digos maceratese lo ha identificato ed è stato denunciato dal commissariato jesino in stato di libertà per atti osceni in luogo aperto al pubblico. Il questore Cesare Capocasa ha emesso il Daspo: il maceratese non potrà accedere alle manifestazioni sportive per cinque anni. Inoltre, vista la recidiva, il questore ha proposto al Gip l’obbligo di presentazione per due anni all’autorità di pubblica sicurezza, ogni volta in cui la Maceratese gioca. Si tratta di una misura particolarmente rigida poichè il tifoso era stato sottoposto a Daspo sportivo per due volte, nel 2013 per tre anni e nel 2017 per altri tre anni, da parte del questore di Macerata.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su