Eccellenza, i pronostici di mister Fenucci per il gran finale. "Torneo incerto fino all’ultimo. L’Urbino può ambire a vincerlo»

Il campionato di Eccellenza di Pesaro riprenderà dopo la sosta per il Torneo delle Regioni, con una classifica ancora aperta. Il mister Gianluca Fenucci analizza le squadre in lotta per la vittoria e la salvezza, elogiando l'organizzazione e le competenze necessarie per il successo.

30 marzo 2024
"Torneo incerto fino all’ultimo. L’Urbino può ambire a vincerlo"

Gianluca Fenucci, allenatore che conosce molto bene il campionato di Eccellenza e non solo

Il campionato di Eccellenza dopo la sosta per il Torneo delle Regioni riprenderà domenica 7 aprile e visto che per la classifica è ancora tutto o quasi da decidere sarà un rush finale sicuramente avvincente. Ne parliamo con mister Gianluca Fenucci, esperto allenatore di Chiaravalle che ha allenato per ben 13 anni nel massimo campionato regionale, guidando squadre come Urbania, Montegiorgio, Fabriano, Biagio Nazzaro, Castelfrettese.

Mister Fenucci chi vincerà il campionato?

"Molto difficile fare pronostici anche perché mancano 4 giornate alla fine e può succedere ancora di tutto. Non ci vuole la sfera di cristallo per dire che la vincitrice uscirà dalle attuali prime in graduatoria: Montefano, Civitanovese, Chiesanuova e Urbino".

Il Montefano sta entusiasmando tutti, può essere definita una sorpresa?

"Il Montefano sta facendo un grande campionato e raccoglie i frutti di una programmazione attenta e fatta da persone competenti, come ci sono in società. Il gruppo storico lavora da anni e meriti grandi vanno al mister Nico Mariani che aveva già fatto benissimo col Marina. Questo dimostra che non bastano i nomi per vincere ma occorrono organizzazione e competenze".

Come giudica il cammino delle pesaresi?

"Benissimo l’Urbino, discretamente sia il Montecchio che l’Urbania. Gli organici delle tre squadre sono importanti e ben strutturati, gli allenatori bravi ed esperti. L’Urbania avrebbe potuto far qualcosa di più ma è stata penalizzata dai tanti infortuni. Anche il Montecchio può ambire a un posto nei play off. L’Urbino in questi anni con alla guida Antonio Ceccarini ha fatto sempre molto bene e anche quest’anno è lì che lotta per la vittoria finale. Ha avuto un momento difficile ma da navigatore esperto Ceccarini è riuscito con i suoi a superarlo. Merito della società aver fatto quadrato senza ribaltoni e scossoni inutili, anzi dannosi".

La lotta per la salvezza?

"L’Azzurra Colli non è ancora spacciata ed è abituata a lottare anche se la rosa sarebbe stata da posizioni migliori. Anche Montegiorgio, Monturano e Sangiustese sono in grave difficoltà. Queste 4 squadre lotteranno per un posto nei play out e per evitare la retrocessione diretta. Mi dispiace per la Jesina che ho nel cuore. La china si è fatta molto irta: vengono da 6 sconfitte consecutive, devono fare i conti con l’infortunio di Trudo che in quella squadra è indispensabile o quasi. Devono ritrovare unità e tirar fuori le unghie per cercare di evitare i play out ma la vedo dura".

E dei suoi colleghi allenatori?

"Mi piace vedere in campo tecnici di valore e di grande esperienza. Sono molto bravi anche i giovani come Mariani, Giuliodori, Possanzini ma gli esperti dimostrano di saperci fare, penso a Ceccarini, Mobili, Omiccioli, Lilli. Mi fa sorridere quando si divide nettamente il campo tra ‘risultatisti’ e ‘giochisti’: chi sa di calcio sa bene che questa discussione è sterile e stupida. Tutti vogliono giocare bene e vincere, ognuno con le proprie idee che vanno rispettate".

Amedeo Pisciolini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su