Figline Il pari va stretto. Il gol di Zhupa non basta

I gialloblù recriminano sulle tante occasioni non sfruttate al meglio. E a pochi minuti dalla fine l’Orvietana trova la rete con Proia .

5 febbraio 2024
Figline Il pari va stretto. Il gol di Zhupa non basta
Figline Il pari va stretto. Il gol di Zhupa non basta

FIGLINE

1

ORVIETANA

1

FIGLINE 1965: Conti, Dema, Simonti, Diarra, Sabatini, Ficini, Saccardi (56’ Cavaciocchi), Sesti, Bruni (78’ Zellini), Torrini, Zhupa (81’ Le Brun). All.: Tronconi.

ORVIETANA: Marricchi, Manoni (76’ Di Natale), Lorenzini, Ricci, Mafoulou (70’ Orchi), Congiu, Fabri, Greco, Marsili, Proia, Stampete (69’ Ciavaglia). All.: Broccatelli.

Arbitro: Cortale di Locri.

Marcatori: 8’ Zhupa, 83’ Proia.

Note: spettatori 400 circa. Ammoniti: Congiu, Ricci, Greco, Torrini, l’allenatore Broccatelli, Proia. Recup: 1’+5’.

FIGLINE – Non c’è stato nulla da fare: stavolta è solo un pareggio che smuove la classifica. Lo spirito e la determinazione sono state quelle di sempre. Pur con un pizzico di rammarico, ai punti i gialloblù avrebbero meritato di più.

La prima occasione è del Figline che la sfrutta all‘8’con il vantaggio. Lungo lancio di Zhupa per Torrini che serve Bruni. L’attaccante spizza la palla per Zhupa che da dentro l’area fulmina il portiere in uscita. Al 16’ la squadra di Tronconi si rende nuovamente pericolosa ancora con Zhupa, che dentro l’area piccola, non riesce a fornire palla a Bruni e Simonti che erano ben piazzati.

La risposta dell’Orvietana arriva con un tiro da lunga distanza di Lorenzini (21’) che la difesa devia in angolo. Al 26’ una punizione di Sesti costringe Marricchi alla respinta. Al 28’ è la volta di Proia: però Conti non si fa sorprendere. Al 40’ una punizione di Marsili da lunga distanza costringe l’estremo difensore di casa a respingere in tuffo. Nella ripresa, l’Orvietana è più decisa: 54’ un tiro di Fabri sorvola la traversa. Stessa sorte tocca Congiu al 63’ con un colpo di testa ancora sopra la traversa. Al 79’ proteste degli ospiti per un presunto fallo di mano in area di Dema non visto dall’arbitro. Quattro minuti dopo l’Orvietana pareggia: da una ripartenza, palla su i piedi di Proia che tira. Conti respinge, Proia raccoglie e ribatte in rete.

Giovanni Puleri

Continua a leggere tutte le notizie di sport su