Forlì, attento alla ‘strana’ rivale. Fanfulla ammazzagrandi in trasferta

Domani il match con la tranquilla (in classifica) ma pericolosa squadra di Lodi, vittoriosa a Ravenna e Carpi

di FRANCO PARDOLESI -
16 marzo 2024
Forlì, attento alla ‘strana’ rivale. Fanfulla ammazzagrandi in trasferta

Mister Antonioli con bomber Merlonghi e Barbatosta; domani a rischio il secondo

Una partita fondamentale, Forlì-Fanfulla, per la corsa al vertice di Merlonghi e compagni. Dopo il nulla di fatto di domenica a Sant’Angelo Lodigiano, la squadra di mister Antonioli riprende il cammino per lo sprint finale di un campionato che, da domenica scorsa, ha visto i biancorossi scendere dal primo al terzo posto con 49 punti. Al comando il Ravenna (51), poi il Carpi (50). Per il Forlì così il match di domani riveste un plusvalore tenendo conto che, in contemporanea, allo stadio Cabassi di Carpi andrà in scena la sfida tra i modenesi e il Ravenna.

Il Fanfulla sbarca a Forlì in ottava posizione, a quota 38, 9 punti sotto la zona playoff e con 7 di vantaggio su quella playout. Particolarissimo lo score della squadra lombarda che, a fronte dei soli 13 punti conquistati sul suo campo a Lodi, dove è stata battuta sette volte, vanta un sorprendente rendimento in trasferta: la squadra bianconera, trasformatasi da ‘Guerriero’ a ‘Corsaro’, ha infatti il migliore score lontano da casa, assieme al Corticella, con la bellezza di 25 punti frutto di sette vittorie e quattro pareggi, a fronte di un unico ko patito, 1-0, sul campo dell’Aglianese. Un percorso impreziosito dai prestigiosi blitz centrati in casa di Carpi (1-2), Lentigione (0-1) e Ravenna (1-2).

Dall’inizio della stagione sulla panchina del Fanfulla siede Omar Albertini, votato al 4-3-3, tecnico che quattro stagioni fa portò l’Alcione Milano in serie D. L’attaccante più pericoloso del ‘Guerriero’ è Riccardo Cocuzza, a segno cinque volte in stagione e già in serie C con Gubbio, Sudtirol, Renate, Savona e Fano, autore di 92 gol in carriera. Il Fanfulla è reduce da una mini serie di tre risultati utili centrati con Progresso (1-0), Sammaurese (0-1) e col Certaldo, domenica scorsa, nel match pareggiato in casa per 2-2. Con 27 reti passive l’undici lombardo vanta il quinto reparto difensivo del girone mentre quello avanzato, con 24 bersagli, occupa la sestultima posizione.

Fondato nel 1908 il club di Lodi ha nel suo curriculum 17 campionati di serie B, tra gli anni Venti e Quaranta, e 28 di C. Sei i campionati di fila in serie D dopo la promozione dall’Eccellenza nel 2017-18. Cinque, compreso quello in corso, i campionati nei quali Forlì e Fanfulla si sono trovati a competere. Il primo nella Prima Divisione, (l’attuale serie C) 1931-32. Nella partita d’andata dello scorso novembre le due squadre si sono divise un punto in un match terminato a reti inviolate. Il bilancio complessivo degli scontri diretti tra i due club vede i galletti in vantaggio con 6 vittorie a 2 e 1 pareggio.

Recuperato Checchi, dopo il permesso per la recente paternità, in vista del vitale confronto di domani mister Antonioli dovrà fare ancora una volta i conti con un’infermeria molto affollata. Non ancora recuperati dai rispettivi infortuni i difensori Masini, Rossi e con Drudi che andrà in panchina, contati anche gli uomini di centrocampo a causa degli acciacchi che terranno fuori capitan Gaiola (acciacco muscolare), Prestianni e, probabilmente, Barbatosta, uscito malconcio dalla partitella del giovedì. Infine, ieri 0-0 nell’anticipo Imolese-Prato.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su