Forlì, prova d’appello col Lentigione. Serve tenere il passo delle prime

Domani la sfida al Morgagni: in vista degli scontri diretti dopo Pasqua, occorre riscattare il ko di Corticella

di FRANCO PARDOLESI -
27 marzo 2024
Forlì, prova d’appello col Lentigione. Serve tenere il passo delle prime

Masini nel match d’andata: è uno di quelli in dubbio in difesa

Domani pomeriggio, nell’ultimo turno infrasettimanale del campionato, lo stadio Morgagni ospita una partita di cartello: Forlì, terzo in classifica con 52 punti, opposto al Lentigione, quinto a quota 49. Per il Forlì di mister Mauro Antonioli, dopo il pesante scivolone di sabato a Corticella, l’imperativo è quello di non fallire l’appuntamento col risultato pieno nella speranza di qualche inciampo della capolista Carpi (56 punti) e del Ravenna (54) che se la vedranno in casa coi galletti dopo la sosta pasquale.

Il Lentigione arriva a Forlì dopo il deludente 1-1 casalingo nel match col pericolante Certaldo che ha frenato la ‘remuntada’ della squadra emiliana frutto di una serie (comunque tuttora aperta) di sei risultati utili consecutivi. La squadra gialloblù è allenata per la seconda stagione consecutiva da mister Paolo Beretti, che schiera la squadra col modulo 4-3-3. Dietro la scrivania c’è Sandro Cangini: ex diesse di lungo corso del Forlì che, a fronte di una retrocessione, è stato protagonista delle ultime tre promozioni biancorosse.

Il rendimento del Lentigione nelle gare interne, con 24 punti conquistati, è pressoché in equilibrio con quello lontano dalle mura amiche: in questo caso, sono 25 frutto di sette vittorie, quattro pareggi e 3 soli ko. I protagonisti della squadra più affermati sono il centrocampista centrale Marco Roma, 33 anni, che in questi giorni ha tagliato il traguardo delle 200 presenze col club reggiano, e il 31enne attaccante Alberto Formato, alla 100ª presenza, che in questa stagione ha messo a segno 10 reti che lo hanno portato a uno score personale complessivo di 121 marcature in carriera. La difesa biancorossa dovrà tener d’occhio anche il trequartista, scuola Parma, Martin Montipò, sette reti quest’anno, che decise il 2-0 del match d’andata firmando una doppietta. A centrocampo, poi, anche l’altro ex di questa partita Alessandro Pari che nella stagione scorsa ha giocato 27 match col Forlì, segnando tre reti. Con 41 reti segnate il reparto avanzato del Lentigione figura al terzo posto del girone D. Meglio hanno fatto solo gli avanti di Carpi, con 55 centri, e Ravenna (42).

Fondato nel 1948, il Lentigione ha incontrato il Forlì in sette campionati tutti disputati a livello di serie D, compresa questa stagione. Nei 13 match precedenti il bilancio è leggermente favorevole ai biancorossi che hanno ottenuto cinque vittorie e quattro pareggi a fronte di quattro successi della squadra emiliana.

Per la partita di domani ancora tutta da decidere lo schieramento battezzato da Mauro Antonioli, che da qualche giorno allena la squadra sull’erba del Morgagni e non sul sintetico dell’Antistadio 1. Potrà contare sul recupero di Barbatosta. Non ci saranno però Rossi e Maggioli. Da verificare le condizioni dei difensori Drudi, Masini e Checchi e del centrocampista Gaiola che sosterranno un provino domani mattina.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su