Il primo gol non si scorda mai. Garetto: "Un’emozione unica"

Il centrocampista del Rimini ha aperto le danze nel poker alla Recanatese, utile per dimenticare il ko nel derby

di DONATELLA FILIPPI -
15 febbraio 2024
Il primo gol non si scorda mai. Garetto: "Un’emozione unica"

Il centrocampista Marco Garetto

Prima gara da titolare e primo gol in biancorosso. Addirittura dopo appena quattro minuti. Giornata da ricordare quella di martedì per il Rimini, ma anche per Marco Garetto. Il giovane centrocampista arrivato nel mercato invernale dal Renate ha dato il la al successo, largo e importante, in casa della Recanatese nel turno infrasettimanale. "Sicuramente un’emozione forte – dice il giocatore piemontese – sono felice per il gol, ma soprattutto perché siamo riusciti a ottenere una grandissima vittoria, che ci serviva tanto. È stato bello il gol, bella la vittoria, e siamo molto felici". Secondo gol tra i professionisti per Garetto che già con il Renate, nella prima parte della stagione, si era tolto la soddisfazione di una corsa liberatoria sotto la curva. "Lo dedico alla mia famiglia, come sempre – dice il 22enne – alla mia ragazza e anche ai miei nonni". Una vittoria, quella nelle Marche, che manda in archivio l’amara sconfitta nel derby con il Cesena. Ma che soprattutto permette alla squadra di Troise di respirare guardando la classifica.

"C’è stata una buonissima reazione – dice Garetto – Sappiamo tutti che avremmo voluto fare meglio con il Cesena e avremmo voluto provare a dare una gioia ai tifosi e non ci siamo riusciti. Però con la Recanatese siamo riusciti a riscattarci. Abbiamo fatto un’ottima prova, l’abbiamo preparata bene in settimana, abbiamo giocato al meglio e siamo riusciti a vincere. Sono certo che questo ci darà la spinta anche pensando alle prossime partite".

Oltre al gol, per Garetto anche una gara tutta sostanza, a fare la spola tra centrocampo e attacco. "Il mister mi sta provando sottopunta, ma anche più basso a centrocampo e come mezzala – racconta – Mi trovo bene in questa posizione dietro le punte. Ma io mi metto a disposizione e cerco di dare il cento per cento in qualsiasi zona del campo in cui il mister deciderà di impiegarmi". I biancorossi ieri mattina sono subito tornati in campo. Perché nella settimana del turno infrasettimanale, già si corre verso il prossimo appuntamento. Domenica al ’Neri’ contro il Pontedera il Rimini dovrà cercare di dare continuità dal punto di vista del risultato, ma anche da quello della prestazione. Certamente il Pontedera non è la Recanatese, anche se i toscani nell’ultimo periodo non stanno viaggiando esattamente forte con un punto raccolto nelle ultime due gare contro Arezzo e Pineto.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su