Le parole di mister Greco. "Gara difficile, dobbiamo fare qualcosa in più»

Olbia affronta Rimini in una partita decisiva per la classifica. Leandro Greco, tecnico dei sardi, sa che la squadra deve fare qualcosa in più per ottenere i punti. Ragatzu, ex di turno, potrebbe rientrare dal primo minuto. Sarà una partita complicata ma l'Olbia è fiduciosa.

6 dicembre 2023
"Gara difficile, dobbiamo fare qualcosa in più"
"Gara difficile, dobbiamo fare qualcosa in più"

E’ un’Olbia che ha decisamente bisogno di punti quello che oggi aspetta il Rimini. Scottata dall’ultima sconfitta casalinga contro il Perugia, quella di domenica scorsa, la squadra di Leandro Greco non può permettersi passi falsi. "Abbiamo cercato di recuperare un po’ di energie il giorno dopo la gara – dice il tecnico dei sardi – adesso ci restano gli ultimi accorgimenti". Ma, al di là del modulo, al di là degli uomini che scenderanno in campo, mister Greco sa quello che i suoi dovrebbero fare contro i romagnoli. "Dobbiamo cercare di essere noi stessi, siamo un gruppo che sta facendo un certo percorso – dice alla vigilia del recupero della 14esima giornata, quella rinviata qualche settimana fa a causa degli impegni con le Nazionali di alcuni suoi giocatori – Abbiamo sempre detto che non scendiamo in campo con un atteggiamento rinunciatario, anzi ci piacerebbe vincere più partite possibili, ma dobbiamo fare i conti anche con la forza degli avversari". Avversario di turno che è in serie utile ormai da diverse settimane. "Il Rimini è una squadra – fotografa i biancorossi Greco – che con il cambio dell’allenatore ha cambiato anche il passo. Sono sette partite che non perdono e hanno una difesa ben organizzata, sarà una partita complicata ma noi dobbiamo fare qualcosa in più e siamo concentrati su questo, consapevoli delle nostre qualità". Il tecnico dovrà rinunciare a qualche pedina non da poco, come il sammarinese Nanni in zona gol. "Che non ci sarà, insieme a Mordini – riferisce – che ancora non si può aggregare al gruppo. Sugli undici da mandare in campo aspettiamo ancora alla rifinitura di domani mattina (oggi, ndr) per decidere per il resto hanno recuperato tutti e dovrò fare solo qualche riflessione anche in vista anche della gara di sabato a Pescara". Proprio come il Rimini, anche per l’Olbia continua il tour de force. Tre partite in sei giorni. "Sì in effetti c’è un fattore che accomuna questi tre incontri ed è l’aspetto mentale che potrebbe drenare ancora energie – spiega – Fisicamente la squadra sta bene, abbiamo tenuto botta al Perugia, quindi, sono fiducioso". Potrebbe rientrare dal primo minuto, dopo il problema alla caviglia delle ultime settimane, l’attaccante Ragatzu, ex di turno. Un giocatore non di poco conto nello scacchiere dell’Olbia.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su