Lucchese: i "nodi" del mercato. La Pantera prima deve vendere

Gli arrivi (come quello di Tommasini) "bloccati" dal budget sforato in estate. Difesa: spunta il nome di Fantoni

4 gennaio 2024
Lucchese: i "nodi" del mercato. La Pantera prima deve vendere
Lucchese: i "nodi" del mercato. La Pantera prima deve vendere

Se vogliamo essere realisti, per non creare illusioni, dobbiamo ricordare che la Lucchese, prima di portare dentro uno-due-tre nuovi giocatori, in sostituzione di quelli che non sarebbero più funzionali al gioco della squadra, deve, prima, sfoltire l’organico. Perché i forti investimenti fatti in estate avrebbero, di fatto, "sforato" il budget previsto e, dunque, costringerebbero la società a muoversi solo dopo aver alleggerito l’attuale foglio paga.

A questo punto si pone una domanda banale: chi si accollerà gli ingaggi di Djibril e Sueva che hanno due anni di contratto con la Lucchese, oltre a Romero e Perotta che non rientrerebbero più nei piani tecnici? Il nocciolo della questione è tutto lì, con gli operatori di mercato, Mangiarano e Frara, che dovranno essere bravi e abili, oltrechè molto addentro alle dinamiche del mercato di Lega Pro, per liberare quei due-tre posti, in modo da poterli, poi, rimpiazzare con nuovi giocatori. Ma, attenzione, gli ingaggi dovrebbero essere pagati dalle società di appartenenza. Se questa è la situazione, si capisce bene perché, al momento, il mercato rossonero in entrata sia fermo. A… camminare sono solo le chiacchere, le voci, i "si dice".

In mezzo a queste c’è, però, una notizia ufficiale: il difensore Gasbarro della Fermana, che avrebbe fatto comodo alla Lucchese, che non ha alternative ai Sabbione, Benassai e Tiritiello, è stato ingaggiato dal Francavilla che ha bruciato il Novara allo sprint. Ed ecco l’ultima voce "sparata" da un sito: i rossoneri sarebbero sulle tracce del ventunenne difensore Fantoni del Vicenza che, quest’anno, non ha giocato nemmeno una partita. E rimane un obiettivo da centrare quello di portare in rossonero l’attaccante Tommasini del Pescara, sul quale ci sarebbero altre squadre del girone. Non più la Juve Stabia che si è assicurata Adorante dalla Triestina, oltre a Mosti. La trattativa, che sembrava in dirittura di arrivo, avrebbe avuto una brusca frenata, perché, per le attuali risorse della Lucchese, si sarebbe trattato di un prestito troppo oneroso quello dell’attaccante di Zeman. Come non è più filtrato nulla sul centrocampista Gori, ex Frosinone.

In attesa di notizie certe sul mercato in entrata, la Lucchese squadra sta completando la preparazione in vista di Perugia, trasferta diventata estremamente delicata e complicata per le troppe assenze in difesa, specialmente se anche Tiritiello non fosse rischiato. Domenica, al "Curi", si annuncia una gara di… sofferenza un po’ per tutti, perché tutti, a partire proprio dagli attaccanti, dovranno dare una mano in mezzo al campo.

Nel varare la formazione da opporre agli umbri di Formisano, Gorgone dovrà fare la conta dei giocatori che stanno bene fisicamente e proporre, magari, uno schieramento necessariamente più prudente del solito. La situazione dovrebbe tornare alla normalità in occasione della prima delle due gare casalinghe consecutive, quella contro il Sestri Levante, in programma domenica 14 gennaio.

Emiliano Pellegrini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su