Quattordici volte Claudio Morra: "Questo Rimini può andare lontano"

Il capocannoniere dei biancorossi ha viaggiato a suon di doppiette contro Recanatese e Pontedera

di DONATELLA FILIPPI -
20 febbraio 2024
Quattordici volte Claudio Morra: "Questo Rimini può andare lontano"

Claudio Morra

Quattordici volte Morra. Il bomber Claudio è tornato a ruggire e il Rimini ringrazia. Quattro dei sette gol che il Rimini ha realizzato la settimana scorsa contro Recanatese e Pontedera sono i suoi. Senza badare a spese e tornando a toccare con mano, dopo mesi, la zona playoff. Che l’attaccante piemontese sia un vero valore aggiunto del Rimini questo lo si era capito subito. Ma zampata dopo zampata, Morra è sempre capace di prendere per mano i biancorossi. Nei momenti più ’abbondanti’, come quello attuale, ma anche in quelli più bui. "E’ stata una bella partita", dice tornando al match con il Pontedera e riducendo sempre al minimo le parole. Cosa comprensibile per uno che è abituato a far parlare i fatti. Ma il capocannoniere del Rimini sa quanto siano importanti gli ultimi due successi. Anche in vista del tris di trasferte che avrà inizio sabato sul campo dell’Ancona. Che comprende anche una pesantissima gara di ritorno di Coppa Italia in casa del Catania. "Vincere è un modo per avvicinarsi a queste partite nel migliore dei modi – spiega l’attaccante – mantenendo alta la concentrazione e affrontandole con uno spirito positivo. Però il successo con il Pontedera è stato importante soprattutto per dare continuità. E ritrovare la vittoria in casa. A una buona prestazione abbiamo aggiunto un risultato tutto meritato".

E pensare che fino a qualche settimana fa l’attacco del Rimini sembrava aver perso qualcosa. "Quello che stiamo vedendo oggi è frutto del lavoro settimanale – sottolinea – ma anche della mentalità. Con il Pontedera, nonostante fossimo andati sotto subito, abbiamo avuto immediatamente la sensazione che, avendo creato tanto, avremmo potuto ribaltare la partita. E ci siamo riusciti". Una reazione prepotente e a suon di gol. Cosa che fino a qualche settimana fa, considerando che i biancorossi il ’vizio’ di subire gol veloci non l’hanno mai perso, sembrava una chimera.

"Ma devo dire che seppur sotto nel punteggio, siamo andati all’intervallo abbastanza tranquilli – dà segnali di consapevolezza Morra – perché avevamo la partita in mano. Nel primo tempo abbiamo subito gol al primo tiro degli avversari che non hanno fatto di poi di più". Alla domanda su dove può arrivare questo Rimini, la risposta di Morra è cauta, ma decisa. "Sicuramente la strada è ancora molto lunga, ma dove possiamo arrivare dobbiamo deciderlo noi. Se continuiamo con questa mentalità, direi lontano".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su