Sangio, serve l’impresa. C’è la Pianese al Fedini

Gli azzurri affrontano la leader del torneo nel loro momento migliore. Probabile la conferma del 3-5-2 con Pertica arretrato sulla linea dei difensori.

di SAN GIOVANNI -
21 gennaio 2024
Sangio, serve l’impresa. C’è la Pianese al Fedini
Sangio, serve l’impresa. C’è la Pianese al Fedini

di Massimo Bagiardi

Arriva la Pianese capolista e la Sangio ha tutte le intenzioni di fargli lo sgambetto. Al Fedini, fischio d’inizio alle 14,30, le due formazioni si affrontano per la terza giornata di ritorno ed il morale da entrambe le parti è abbastanza alto. Tra i ragazzi di Rigucci, che quest’oggi sconterà la sua terza ed ultima giornata di squalifica, il clima è tornato ad essere più sereno merito dei cinque punti rimediati nelle ultime tre partite ma, soprattutto, della ritrovata amalgama all’interno di uno spogliatoio profondamente rinnovato nel mercato di riparazione. Stesso discorso, ma con una classifica ben diversa, lo si può fare per i ragazzi dell’ex Fabio Prosperi che, dopo aver battuto il FollonicaGavorrano nel big match di domenica scorsa, scenderanno in Valdarno col chiaro proposito di mantenere la leadership che eccezion fatta per una sola giornata, è stata sempre occupata dalla squadra di patron Maurizio Sani. Sul rettangolo di gioco, quindi, si contenderanno la posta in palio due formazioni che stanno attraversando un buon momento ma le statistiche non sorridono troppo a Baldesi e compagni che, negli ultimi campionati dove si sono incrociati i destini delle contendenti, soltanto in due occasioni la Sangiovannese al Fedini ha avuto la meglio dei bianconeri e, per la precisione, nel 2015-2016 e nel 2021-2022 dove l’allora formazione di Aldo Firicano, addirittura in inferiorità numerica per l’espulsione di Moruzzi, ebbe la meglio sugli ospiti con una punizione magia di Lorenzo Bellini.

C’è da sfatare, all’atto pratico, anche questo tabù ma le assenze non sono poche in casa azzurra soprattutto in difesa dove c’è totale emergenza visti i forfait di Farini, squalificato, e degli infortunati Di Rienzo e Chelli. Torna però arruolabile Benucci. Sembra assai probabile la conferma del 3-5-2 con Pertica che sarebbe arretrato sulla linea dei tre difensori e un inedito duo d’attacco che potrebbe essere composto da Massai nella veste di rifinitore dell’unica punta Canessa. L’arbitro della gara sarà Luca Salvatici di Rovigo, un quinto anno che ha già incontrato la formazione azzurra poco meno di un anno fa, nella trasferta di Poggibonsi del 19 febbraio 2003 vinta per 3-1. Vanta oltre 70 presenze in categoria e sembra un profilo sicuramente all’altezza di una partita molto importante come quella che andrà in scena questo pomeriggio.

COSÌ IN CAMPO (ore 14,30) SANGIOVANNESE (3-5-2): Timperanza: Pertica, Antezza, Masetti; Bartolozzi, Nannini, Romanelli, Baldesi, Gianassi; Massai, Canessa. All. Dossini.

PIANESE (3-4-1-2): De Fazio; Remy, Morgantini, Polidori; Boccadamo, Miccoli, Simeoni, Di Martino; Ledonne; Mignani, Kouko. All. Prosperi.

Arbitro: Selvatici di Rovigo.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su