Sconfitta casalinga. Grifone, un disastro

Poco gioco e gara senza mordente: biancorossi in grande difficoltà. Il Tau sfrutta bene la situazione e esce dallo "Zecchini" con i tre punti.

29 gennaio 2024
Sconfitta casalinga. Grifone, un disastro
Sconfitta casalinga. Grifone, un disastro

Lo stadio "Zecchini" diventa terra di conquista. Davanti ad un Grosseto scialbo e inconsistente il dinamico Tau porta a casa tre punti superando così in classifica gli stessi biancorossi. Ancora una volta il Grifone di mister Bonuccelli delude davanti al pubblico amico e non riesce a dare continuità ai risultati.

Dopo un primo tempo giocato su bassi ritmi e chiuso già in svantaggio, i biancorossi sono affondati nella ripresa. Mister Bonuccelli, che porta in panchina il bomber Marzierli perché influenzato, vuole i tre punti, ma anche il tecnico ospite Venturi deve rimpiazzare alcune defezioni. Prima un minuto di raccoglimento per onorare la memoria di Gigi Riva.

Subito in avanti il Grosseto che dopo quattro minuti va in gol con un colpo di testa di Sabelli, ma la rete viene annullata per fuorigioco. Immediata la replica degli ospiti, pericolosi nelle ripartenze, che dopo un minuto con Malva sprecano un ghiotta occasione. Poi è Capparella che manda di poco a lato. Al 14’ Riccobono su calcio di punizione costringe il portiere Di Biagio alla respinta con i pugni. Nel frattempo viene ammonito mister Bonuccelli per proteste. E dopo alcuni minuti di equilibrio, senza conclusioni nelle due porte, gli ospiti passano in vantaggio poco dopo la mezzora. Su un lungo traversone da destra Bruzzo di testa trova il tempo giusto per infilare il portiere Raffaelli con la difesa biancorossa inspiegabilmente ferma. Il Grosseto fa fatica a reagire e non riesce a trovare il giusto ritmo. Arriva la fine del primo tempo e al rientro negli spogliatoi sotto il "biscione" gli animi si riscaldano. In avvio di ripresa la gara si "scalda". Romairone tenta il colpo di tacco, mentre Malva, per gli ospiti, va vicino al raddoppio che arriva dopo un minuto con un eurogol di Lombardo da trenta metri sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Mister Bonuccelli manda in campo due attaccanti (Marzierli e Nocciolini, al debutto) per cercare di rimediare al doppio svantaggio, ma il risultato non cambia. E’ la prima sconfitta di queste proporzioni allo "Zecchini". Ed ora tutto diventa molto, molto complicato. E alla fine, dopo il sostegno per l’intera gara, arrivano anche i fischi dei tifosi.

Paolo Pighini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su