Serie D. Il bilancio biancorosso. Grifone, pagella modesta

Punti persi, errori clamorosi, qualche giocatore sotto alle aspettative. Ma da ora in poi si deve cambiare passo.

23 dicembre 2023
Il bilancio biancorosso. Grifone, pagella modesta
Il bilancio biancorosso. Grifone, pagella modesta

Giocatori acquistati con un grande sforzo economico da parte del patron Gianni Lamioni, ma che non stanno rendendo secondo le aspettative, qualche giocatore impiegato fuori ruolo, un modulo di gioco che per ora non dà grandi risposte: dopo 17 gare disputate, al termine del girone d’andata, crediamo che questa sia la sintesi di valutazione del gruppo biancorosso che sta insieme dal 24 luglio, giorno d’inizio della preparazione. Un Grosseto che si è espresso sicuramente al di sotto delle proprie possibilità nonostante i proclami di inizio stagione. Un Grosseto che avrebbe dovuto essere un protagonista assoluto del girone, ma che, invece, stenta a decollare. Troppi discorsi inutili sono stati fatti dall’inizio: troppe giustificazioni e poche critiche che, se costruttive, fanno più bene del silenzio e dell’approvazione incondizionata ad ogni esibizione. Grosseto ha dimostrato di essere un’isola felice dove si può giocare al pallone, se si è in grado di farlo. Ed i tifosi sono stati anche troppo indulgenti verso i propri beniamini. Sicuramente il bicchiere è mezzo vuoto: c’è tutto un girone di ritorno per poterlo riempire. La cosa incredibile è che, nonostante i passi falsi compiuti, la classifica è ancora aperta a qualsiasi risultato. "Il Grosseto deve avere paura soltanto del Grosseto", va ripetendo da diverso tempo il direttore generale Filippo Vetrini: essenziale è individuare le cause del malessere biancorosso. Senza fare tanti discorsi: da gennaio i punti valgono doppio.

Paolo Pighini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su