Serie "D": la galoppata degli amaranto. Malva cala la tripletta e rilancia il Tau

Ora la squadra di Venturi, ritornata al successo, è di nuovo in lotta per il quinto posto, ultimo utile per agganciare i play-off

18 marzo 2024
Serie "D": la galoppata degli amaranto. Malva cala la tripletta e rilancia il Tau

Simone Veturi

TAU ALTOPASCIO

3

FIGLINE

0

TAU ALTOPASCIO: Di Biagio, Vellutini (17’ st Perillo), Bernardini, (40’ st Lombardo), Zini, Antoni, Meucci, Bruno (17’ st Biagioni), Bruzzo, (13’ st Alessio), Capparella, Malva, Noccioli, (35’ st Jokovic). All.: Venturi.

FIGLINE: Pagnini, Dema, Simonti, Lebrun, (6’ st Iaunese), Sabatini, Ficini, Zellini, (6’ st Cavacciotti), Sesti, Zhupa, Torrini, (39’ st Costantini), Saccardi, (30’ st Banchelli). All.: Tronconi.

Arbitro: Casali di Cesena.

Reti: 14’ pt, 9’st, 50’ st Malva.

Note: ammoniti Malva, Bernardini, Ficini, Jokovic, Zini.

ALTOPASCIO - Il Tau ritorna alla vittoria e lo fa dominando dall’inizio alla fine, grazie alla tripletta di Malva, migliore in campo per distacco. Adesso gli amaranto (nell’occasione in completo bianco) sono di nuovo in lotta per il quinto posto, l’ultimo utile per conquistare i play-off.

La formazione della Piana è quinta, insieme al Seravezza che, però, ha il vantaggio dei confronti diretti favorevoli, avendo vinto ad Altopascio all’andata e pareggiato al ritorno in casa. A livello statistico la partita si presentava sotto il segno del quattro: quarta miglior difesa interna del Tau, quarto miglior attacco esterno dei gialloblu che arrivavano al confronto con i tre gol realizzati a Grosseto e i due del blitz di Montevarchi.

Stavolta, a livello offensivo, la truppa di Tronconi ha prodotto poco. Venturi sposta Bernardini a centrocampo e comincia con Meucci in difesa, invertendo, in pratica, i ruoli naturali dei due giocatori. Si parte con Noccioli che spedisce alto da buona posizione e, poi, l’attaccante colpisce un palo clamoroso al 12’: sulla respinta del montante Bruzzo calcia alto a porta vuota.

Dopo 120 secondi si sblocca il match: cross di Capparella da destra e inzuccata vincente di Malva. I fiorentini si vedono solo al 19’, con una punizione di Sesti di poco a lato. Al 41’ Malva, a percussione, sembra un pilone della Nazionale di rugby: in piena area smista per Noccioli che tira a colpo sicuro; strepitoso il riflesso di Pagnini che salva di piede.

Nella ripresa si percepisce un Figline più deciso, ma, al 9’, arriva il 2-0: mischia dopo tiro di Bruzzo (che nell’occasione si fa male, sospetta frattura del setto nasale), parata di Pagnini e tap-in vincente ancora di Malva. Per i gialloblu ospiti un colpo a livello psicologico prendere il raddoppio quando stavano cercando di riorganizzarsi. Gli input agonistici evaporano automaticamente: il team di Venturi controlla e gestisce non disdegnando le ripartenze. Girandola di cambi che non modificano il destino di un match che viene chiuso dalla galoppata di Malva che chiude con un gran fendente al quinto degli otto minuti di recupero.

Massimo Stefanini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su