Serie D, Rigucci esalta la prova del collettivo contro il San Donato. Sangio in apprensione per Pertica. L’esterno rischia un lungo stop

Infortunio al ginocchio per Gianvito Pertica durante la vittoria di Tavarnelle Val di Pesa. Il giocatore si sottoporrà a una risonanza magnetica a Bari per valutare l'entità del danno. Preoccupazione per l'allenatore Rigucci, già alle prese con altri infortuni. Prossimo match contro Grosseto.

20 febbraio 2024
Sangio in apprensione per Pertica. L’esterno rischia un lungo stop

Gianvito Pertica, 23 anni.

La splendida affermazione di Tavarnelle Val di Pesa è stata purtroppo macchiata dall’infortunio al ginocchio occorso a Gianvito Pertica ad inizio ripresa. L’esterno classe 2000 si trova da ieri a Bari, sua città di origine, dove si laurerà quest’oggi in sport e football management, e proprio nel capoluogo pugliese si sottoporrà a risonanza magnetica per valutare l’esatta entità del suo infortunio. Purtroppo, giusto un anno fa, allo stesso ginocchio si ruppe i legamenti e il timore che ci possa esserci una ricaduta è abbastanza alto. Il giocatore, al momento, non si sbilancia ma sta incrociando le dita alla pari di tutto l’ambiente azzurro. Una stagione sfortunata sotto questo punto di vista, Lorenzoni è ai box ormai da qualche tempo proprio per la rottura del crociato e, cammin facendo, altri infortuni hanno funestato la stagione mettendo a più riprese in difficoltà proprio Atos Rigucci. L’allenatore fiorentino non nasconde la paura di perdere un’altra pedina fondamentale del suo scacchiere. "Purtroppo sono situazioni che fanno parte del gioco ma non vi nascondo che sono piuttosto preoccupato - ha detto l’allenatore della Sangio - Speriamo non si tratti della rottura dei legamenti ma di una semplice distorsione, non lo avrò semmai a disposizione per due o tre settimane ma almeno non lo perdo per tutto il campionato come già accaduto per Lorenzoni".

E sul successo di domenica, che è costatotra l’altro la panchina al tecnico del San Donato, Lorenzo Collacchioni, fa i complimenti ai suoi per come hanno gestito la gara in tutto l’arco dei minuti giocati. "Il gol a inizio ripresa ci ha messo un po’ di paura ma la squadra ha risposto bene subendo pochissimi pericoli - ha detto Atos Rigucci - La vittoria è tutta loro, è stato un successo fondamentale anche per il risultati che sono arrivati dagli altri campi". Prossimo impegno domenica al Fedini quando alle 14.30 andrà in scena la sfida contro la corazzata Grosseto, seconda insieme al Livorno a quattro punti di distacco dalla capolista Pianese.

Massimo Bagiardi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su