Spal-Arezzo 0-0, buon punto per gli amaranto

La squadra di Indiani ha giocato gli ultimi 35 minuti in dieci

di LUCA AMOROSI -
24 febbraio 2024
L'espulsione di Masetti (foto Businesspress)

L'espulsione di Masetti (foto Businesspress)

Ferrara, 24 febbraio 2024 – Termina a reti bianche al «Mazza» di Ferrara tra Spal e Arezzo. Un buon punto per gli amaranto, considerato soprattutto che la squadra ha giocato gli ultimi 35 minuti in dieci. Il pareggio permette infatti di tenere gli estensi a distanza di sicurezza e dare continuità alla vittoria contro la Recanatese.

Indiani premia con una maglia Masetti in difesa e Foglia a centrocampo e torna titolare anche capitan Settembrini, mentre Damiani e Lazzarini trovano conferma dopo le ultime prove positive. La gara inizia senza particolari squilli, con le due squadre che provano a rendersi pericolose specialmente sulle fasce per poi rifornire al centro i propri terminali offensivi, Gucci da una parte e Antenucci dall'altra.

La prima occasione la costruisce l’Arezzo che colpisce la parte alta della traversa con un tiro-cross di Gucci. Al 22’ però si vedono anche i padroni di casa: Carraro sfila via a Settembrini, entra in are e crossa basso al centro per Dalmonte che calcia a botta sicura ma trova la risposta di un ottimo Trombini. È l’occasione migliore del primo tempo e quella che infiamma la sfida: Antenucci ci prova da fuori ma Trombini fa buona guardia, poi al 33’ riecco l’Arezzo: Guccione si libera al tiro in area ma trova la deviazione di un difensore. È l’ultimo sussulto della prima frazione.

Nella ripresa, tornano in campo gli stessi ventidue e dopo soli due minuti ci prova Rao da fuori, ma il suo destro non si abbassa a sufficienza. È la conferma che la Spal vuole alzare i giri del motore: prima Carraro s’inserisce in area e colpisce di testa trovando ancora l’intervento puntuale di Trombini, poi Settembrini rischia grosso fermando un avversario involato a rete. Solo giallo e sospiro di sollievo per il capitano.

Sorte diversa tocca invece a Masetti al 55' che, già ammonito, ferma con le cattive Antenucci involato a rete dopo un passaggio errato di Foglia e viene cacciato. Amaranto in dieci, gara in salita e Indiani che corre subito ai ripari, inserendo Risaliti per Guccione e Catanese per Settembrini. Anche Di Carlo inserisce forze fresche ma la sfida cala di ritmo e all’Arezzo va bene così.

Nel finale la Spal alza il baricentro per cercare il gol vittoria ma l’Arezzo si chiude bene e rischia il minimo sindacale, alleggerendo la pressione quando possibile e portando lo 0-0 fino al triplice fischio, uscendo così da Ferrara con un punto prezioso in chiave salvezza diretta.

SPAL-AREZZO 0-0

SPAL (4-4-2): Galeotti; Ghiringhelli, Valentini, Bruscagin, Tripaldelli (81’ Saiani); Rao (63’ Maistro), Carraro, Buchel, Dalmonte (72’ Edera); Antenucci (72’ Zilli), Petrovic (63’ Rabbi). A disp: Alfonso, Del Favero, Fiordaliso, Contiliano, Orfei, Iglio, Siligardi, Nador, Breit.

Allenatore: Di Carlo.

AREZZO (4-2-3-1): Trombini; Lazzarini, Masetti, Polvani, Donati; Foglia (75’ Mawuli), Damiani; Pattarello (89’ Gaddini), Guccione (58’ Risaliti), Settembrini (58’ Catanese); Gucci (89’ Ekuban) A disp: Ermini, Borra, Bianchi, Chiosa, Renzi, Castiglia, Coccia, Sebastiani.

Allenatore: Indiani.

ARBITRO: Leone di Barletta (Abbinante di Bari – Galasso). Quarto ufficiale: Rihai

NOTE: spettatori presenti tremila circa. Espulso Masetti per doppia ammonizione. Ammoniti: Carraro, Masetti, Rabbi, Risaliti. Angoli: 5-3. Recupero tempi: 0′+5’.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su