Vigor, un anno che ha fatto storia. Obiettivo giocarsi ancora i playoff

Rinsaldato il rapporto società-tifosi, nuovi talenti dalle giovanili e tanta umiltà: un plauso al tecnico Clementi

31 dicembre 2023
Vigor, un anno che ha fatto storia. Obiettivo giocarsi ancora i playoff
Vigor, un anno che ha fatto storia. Obiettivo giocarsi ancora i playoff

di Nicolò Scocchera

Alcune annate entrano nel cuore e nella mente dei tifosi così come dei giocatori. C’è da scommetterci: il 2023 sarà una di quelle per tutto l’ambiente vigorino. La società senigalliese ha rinsaldato il proprio rapporto con i tifosi, ha raggiunto traguardi impensabili, valorizzato giovani del territorio e lanciato nuovi talenti che nel prossimo futuro potrebbero far sognare anche club professionistici. In sostanza il futuro della Vigor Senigallia è roseo. Nella passata stagione i rossoblu hanno accarezzato un sogno chiamato serie C, mettendo i bastoni tra le ruote ad una corazzata come il Pineto. Alla fine l’ epilogo è stato amaro, ma solo tanta gratitudine è stata manifestata nei confronti di Pesaresi e compagni.

Oggi la Vigor non lotta per il primato, non ancora almeno, tuttavia Aldo Clementi è riuscito a mantenere salda la rotta nell’anno più temuto, quello della conferma in serie D. Ci è riuscito con umiltà e determinazione, in un girone molto competitivo al cospetto di società ambiziose ed attrezzate. Il 2023 è stato l’anno di ritorni e dolorosi addii come quello di Gianfranco D’Errico che ha deciso di alleggerire il suo impegno con il calcio per motivi personali.

Clementi sta riuscendo nell’impresa conservando la sua filosofia di gioco ed affidandosi a due ingredienti fondamentali: l’identità del gruppo e il talento dei singoli, su tutti Kerjota e Sheffer. I più decisivi ed inevitabilmente i più ambiti. Così ambiti da tenere sulle spine tutto il pubblico vigorino. Nonostante ciò Kerjota dovrebbe chiudere la stagione nella città della Rotonda, senza tentennamenti e con buona pace di tutti gli ammiratori. Sheffer non è da meno in materia di apprezzamenti, indubbiamente però un cambio in corsa potrebbe essere un salto precipitoso e questo aspetto depone a favore del club vigorino che in caso di improvvisa partenza dovrebbe fare a meno del suo miglior marcatore. In estate il club senigalliese potrebbe fare i conti con una doppia e dolorosa partenza. Un epilogo quasi inevitabile visto il rendimento dei due ragazzi, ma c’è ancora tempo per valutare.

Se il mercato in uscita preoccupa i tifosi vigorini, quello in entrata non sembra offrire spunti particolarmente significativi. La società è pronta a prendere in considerazione qualunque occasione si presenti alla finestra, tutto ruota intorno alla figura di Capezzani che sta recuperando in fretta dopo una prima parte di stagione molto travagliata. Il tempo stringe, ma spetta alla società decidere se puntare sull’ex Fano per dare respiro al terzetto di centrocampo: Baldini, Gambini e Mancini. È stato un anno indimenticabile, nel bene e nel male, 365 giorni di continua crescita e nel 2024 si vuole alzare ulteriormente l’asticella.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su