Volley, Velasco verso un clamoroso ritorno alla guida della nazionale femminile

Il bilancio di questa stagione è fallimentare: cambio in panchina in vista

di DORIANO RABOTTI -
25 settembre 2023
Julio Velasco  (UYBA Volley Busto Arsizio  pallavolo)
Julio Velasco (UYBA Volley Busto Arsizio pallavolo)

Roma, 25 settembre 2023 - Tutti gli indizi portano a Julio Velasco: e sarebbe una cosa clamorosa, anche se il Divo Julio ha già allenato la nazionale femminile italiana all'alba del terzo millennio. Nella seconda settimana di ottobre, con il Consiglio Federale, ne sapremo di più: il presidente della Fipav Manfredi ha appena stilato il bilancio della stagione fallimentare della nazionale femminile, che domenica ha fallito la qualificazione diretta alle Olimpiadi.

Al momento i Giochi non sono a rischio, ci sono ancora quattro posti disponibili (il quinto è sicuramente di una squadra africana che nel ranking è indietro, il Kenya), l'Italia è in testa a questa classifica. Ma deve restarci nel prossimo giugno, dopo la Nations League.

E la sostituzione dell'allenatore è il modo più razionale per cambiare una situazione che si è ormai incartata, con troppe giocatrici fuori e le altre che non sono alla stessa altezza. Forse con la Orro in regia la qualificazione sarebbe arrivata la stesso, ma l'alzatrice è rimasta a casa per un trauma cranico che non le ha impedito di essere in campo nello stesso giorno della nazionale, per una amichevole del suo club.

Comunque ci sarà tempo per sviscerare tutti i problemi: intanto il presidente Manfredi ha detto pubblicamente di voler risolvere la situazione nei prossimi giorni, cosa che fa implicitamente capire che il ct sarà cambiato. Al suo posto il candidato più forte, per una serie di considerazioni tra doppio incarico vietato dallo statuto federale e altri allenatori già impegnati, è Julio Velasco: ha un impegno con Busto Arsizio nella stagione che sta per iniziare, ma ha anche una clausola che gli permette di liberarsi quando sarà il momento (non prima della fine del campionato) di guidare la nazionale. Si tratta solo di aspettare qualche giorno per il verdetto.  

Continua a leggere tutte le notizie di sport su