Fortitudo ancora sconfitta: al PalaDozza passa Treviglio

Nella curiosa serata degli ex, la Effe non digerisce l’amaro per il ko nella trasferta di Agrigento e inciampa in casa 78-82 incassando il secondo stop consecutivo

di GIACOMO GELATI
10 aprile 2024
Aradori miglior marcatore della Fortitudo contro Treviglio (foto Schicchi)

Aradori miglior marcatore della Fortitudo contro Treviglio (foto Schicchi)

Bologna, 10 aprile 2024 – Nella curiosa serata degli ex, con Giuri e Giordano intercambiati due settimane fa, la Fortitudo non digerisce l’amaro per il ko nella trasferta di Agrigento e inciampa al PalaDozza 78-82 contro una superlativa Treviglio incassando il secondo stop consecutivo: un risultato che vanifica la possibilità di centrare il terzo posto in solitaria. Domenica alle 18 si torna sotto la volta ‘Madison’ per la sfida contro Torino.

La cronaca

Dopo il minuto di silenzio in ricordo delle vittime dell’esplosione di ieri alla centrale idroelettrica di Suviana (“E anche oggi qualche padre non torna a casa dai figli”, lo striscione della Fossa dei Leoni) si passa al campo, con Miaschi e Guariglia a rispondere prontamente a Ogden, che coadiuvato poco dopo da Freeman e Bolpin, porta una Effe un po’ disordinata sul 9-4. I bergamaschi alzano il quintetto e stringono le maglie difensive, abbassando le percentuali dei locali e trovando a piccoli passi i punti del pareggio.

Sul tramontar del quarto l’altro ex di turno Barbante fa mettere la testa avanti agli ospiti, ma il colpo di coda è di capitan Fantinelli, che sulla prima sirena firma dalla lunga il 18-17. Il match resta perfettamente in equilibrio, con Freeman a farsi largo nell’area ospite e con Vitali ed Harris a resettare il divario in contropiede: questo prima del 5-0 di Freeman e Aradori che aprono sul 27-22 costringendo Valli al time-out. L’inerzia cambia alla velocità della luce: Bologna alza i giri offensivi e grazie alle triple di Sergio e Aradori accelera fino al 42-32 che sbilancia temporaneamente la compagine ospite.

Fionda Aradori, fiondano anche Miaschi, Cerella e Guariglia: così Treviglio non molla l’osso e in chiusura di primo tempo rattoppa a -3. Ma la ciliegina la mette ancora una volta il numero 4 locale, che dai 6,75 scrive 50-42. Impiega cinque giri di cronometro la Fortitudo a incanalare il ritmo sui suoi binari, prima con la tripla di Aradori, poi con l’appoggio di Ogden che fissano il tabellone sul 57-48: ma la grande capacità di rientrare in partita di Treviglio è solo questione di tempo e sull’asse Miaschi-Barbante-Cerella evita che la Effe scappi via (63-61).

Poi la doccia fredda al ‘Madison’: tripla di Harris, appoggio di Sacchetti e bergamaschi che fanno 63-66. Di Freeman il canestro del 65-66 alla terza sirena. Il trend non cambia a inizio ultimo quarto: Cerella e Sacchetti allungano a +4, la Effe sembra disunirsi affrettando gli attacchi, fino ai liberi di Morgillo e al suo assist per la schiacciata di Ogden che danno una boccata d’ossigeno ai padroni di casa (73-71). Tripla di Harris, persa di Freeman e appoggio di Guariglia: la Effe pasticcia in attacco, e a 1’ dalla fine Treviglio è a +3. Ci prova Aradori, ma gli ospiti ne hanno di più e la tripla di Guariglia chiude definitivamente i conti prima della giostra di falli tattici.

Il tabellino

Fortitudo 78 Treviglio 82

Flats Service Fortitudo Bologna: Bonfiglioli ne, Sergio 6, Aradori 22, Conti 2, Bolpin 10, Panni 1, Kuznetsov ne, Fantinelli 9, Giuri 2, Freeman 11, Ogden 9, Morgillo 2. All. Caja.

Gruppo Mascio Treviglio: Pacher 10, Giordano 4, Vitali 3, Harris 12, Cerella 8, Falappi ne, Sacchetti 5, Guerci ne, Barbante 9, Guariglia 16, Pollone, Miaschi 15. All. Valli.

Arbitri: Centonza, Moretti e Yang Yao.

Note: parziali 18-17; 50-42; 65-66.

Tiri da due: Fortitudo 21/42; Treviglio 18/30. Tiri da tre: 9/24; 12/29. Tiri liberi: 9/16; 10/14. Rimbalzi: 36; 36.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su