Fortitudo da record. Incassi e spettatori: nessuno come la Effe

Basket serie A2 Aquila, non solo il primato in campionato. Il presidente del Consorzio Gentilini: "Caja è il valore aggiunto". .

di FILIPPO MAZZONI -
1 dicembre 2023
Incassi e spettatori: nessuno come la Effe
Incassi e spettatori: nessuno come la Effe

Fortitudo al top. Col la chiusura del girone di andata sono stati ufficializzati i dati su presenze e incassi della prima parte di stagione. La società del presidente Stefano Tedeschi ha fatto registrare dati incredibili, decisamente sopra la media di serie A2 e superiori anche a quelle di tante formazioni di serie A.

La Fortitudo ha registrare una media di 5.116 presenze a partita, con un incasso che si aggira intorno agli 83.963 euro a gara.

Quella biancoblù è nettamente la società col maggior numero di tifosi con numero di spettatori complessivi di 30.697 e un incasso globale 503.780 euro. Numero fuori categoria se si pensa per esempio che nelle presenze medie il secondo posto di numero di spettatori è di Trieste a quota 3.539.

Dati eccezionali paragonati anche a quelli di un anno fa, quando la Fortitudo era sempre prima, ma con una media di 4.238 e quindi con un incremento del 20,7 per cento e con la capienza del PalaDozza che quest’anno rasenta un riempimento del 95 per cento. I dati della Effe hanno contribuito a confermare il trend di crescita già visto nella passata stagione della serie A2 che ha una media spettatori a partita di 1.834. Numeri eccezionali quella della Effe che confermano un rinnovato entusiasmo della Bologna biancoblù.

"L’affetto e l’entusiasmo del pubblico ogni giorno mi spinge a impegnarmi sempre di più – sottolinea Matteo Gentilini main sponsor come Flats Service e presidente del Consorzio Fortitudo intervenuto su radio Nettuno Bologna Uno a Vitamina Effe –. Calcisticamente parlando siamo campioni d’inverno, c’è un grandissimo pubblico che ci segue, sono tornati anche sponsor storici e come soci del consorzio da qui a febbraio arriveremo a 37 vicinissimi a quella quota 40 che speravo di ottenere ad inizio anno".

Poi parla anche di conti e di mercato. "Abbiamo dei debiti da ripianare, circa 500 mila euro annui, ma già solo con il Consorzio riusciamo a coprirli. Un colpo extra-budget? L’unico nome che girava era quello di Della Rosa, ma rimane a Pistoia. La promozione in serie A? Non ci fa paura, se ci andiamo fare i passi per rimanerci, il nostro obiettivo è quello salire per rimanere nella massima serie. Caja? E’ il nostro valore aggiunto".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su