Serie A: imprese di Sassari e Pesaro. Venezia si prende il big match con Milano

La classifica dopo il 23esimo turno di campionato vede in testa ancora la formazione di Brescia

di MATTEO AIROLDI -
17 marzo 2024
Umana Reyer Venezia-EA7 Emporio Armani Olimpia Milano 78-72

Marco Brondi

Bologna, 17 marzo 2024 – Cominciata con la vittoria ottenuta da Pistoia all’ultimo respiro e dopo un overtime contro Napoli, la ventitreesima giornata del campionato di Serie A di basket è proseguita con una lunga serie di risultati a sorpresa e di cadute eccellenti, a cominciare da quella della Germani Brescia prima della classe, battuta 106-101 dopo un supplementare dalla Dinamo Sassari, giunta al terzo sigillo di fila: decisiva la monumentale prestazione di Ousmane Diop (28 punti e 8 rimbalzi), ben spalleggiato da Brein Tyree (20 punti) e Brandon Jefferson (17 punti), che nel supplementare ha mandato a bersaglio una tripla di importanza capitale. A Brescia, che aveva provato a prendersi l’inerzia del match con un parziale di 14-2, non sono invece bastati i 24 punti di CJ Massinburg. Del passo falso dei biancoblù non hanno però saputo approfittare appieno le dirette inseguitrici, eccezion fatta per l’Umana Reyer Venezia che si è presa i due punti del big match contro l’EA7 Emporio Armani Milano, piegando 78-72 i biancorossi con una grande prova collettiva: lo spartiacque della gara è stato il terzo quarto, nel quale gli orogranata hanno schiacciato sul pedale dell’acceleratore e hanno piazzato un parziale di 23-9 che ha definitivamente girato l’inerzia del match e li ha portati sul +16 a 10’ dalla fine. Cinque i giocatori in doppia cifra nello scacchiere lagunare, guidati da Rayjon Tucker, autore di 14 punti, e Max Heidegger che ne ha scritti a referto 13. Tra le imprese di giornata c’è poi da annoverare anche quella compiuta dalla Carpegna Prosciutto Pesaro che ha superato in volata la Virtus Bologna, imponendosi per 87-86 dopo un tempo supplementare: un successo su cui ci sono le firme di Andrea Cinciarini (19 punti, 8 assist e 6 rimbalzi) e Markis McDuffie (23 punti e 8 rimbalzi). Il match è di fatto rimasto incanalato tra i binari dell’equilibrio per tutto l’arco dei 40’ ed è stato portato al supplementare da un glaciale Marco Belinelli, migliore dei suoi con 18 punti e autore di un pesantissimo 3 su 3 in lunetta nei secondi finali del quarto quarto. Nell’extra-time, però, Pesaro è riuscita, sempre a cronometro fermo, a piazzare il colpo di reni vincente grazie a Cinciarini. Dopo il passo falso con Treviso è invece tornata al successo la Unahotels Reggio Emilia che ha travolto 113-80 la Openjobmetis Varese al termine di un match comandato sin dalle battute iniziali e dominato dalle giocate di un tarantolato Langston Galloway, che ha chiuso con un bottino personale di 38 punti (6/9 da due e 8/15 da tre). Pesante anche il sigillo messo a segno dalla Givova Scafati che, dopo tre sconfitte, è tornata a gioire battendo 94-91 la Bertram Tortona e agganciandola in classifica a quota 22 punti: il 31-20 fatto registrare dai campani – trascinati dai 23 punti di Nunge dai 20 di Robinson – ha indirizzato le sorti della gara perché poi, con le unghie e con i denti Scafati è riuscita a resistere alla rimonta dei piemontesi. Importanti colpi sono però da registrare anche in zona salvezza: oltre a Pesaro, infatti, hanno portato a casa i due punti anche la Nutribullet Treviso, che sospinta dai 18 punti di Olisevicius ha superato 78-71 la Vanoli Cremona (al sesto ko nelle ultime sette gare), e la Happy Casa Brindisi di Eric Washington (22 punti), che si è imposta per 89-82 sulla Dolomiti Energia Trento.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su