Virtus, settima vittoria in Eurolega: batte anche il Fenerbahce 87-79

Prova collettiva per i bianconeri: i turchi sconfitti. La squadra si conferma una splendida orchestra, guidata da un grande maestro come coach Luca Banchi

di FILIPPO MAZZONI -
23 novembre 2023
Uno scatto dalla partita (Foto Ciamillo)
Uno scatto dalla partita (Foto Ciamillo)

Bologna, 23 novembre 2023 – La Virtus si conferma una splendida orchestra, guidata da un grande maestro come coach Luca Banchi. Con una prestazione collettiva di altissimo livello la Virtus batte anche il Fenerbahce 87-79, con il tecnico toscano che trova durante il corso della partita protagonisti diversi centrando la settima vittoria di un eccellente avvio di Eurolega. Fenerbahce al gran completo con coach Itoudis che torna ad avere a disposizione tutti i suoi campioni. Virtus invece priva, oltre che di Polonara e di Mickey anche di Cordinier ancora indisponibile. Banchi propone ancora in quintetto Smith, per altro con scarsi risultati, ma la Virtus parte comunque meglio del Fener, grazie ad Hackett e Shengelia. Poi man mano, con Motley che è un problema irrisolto per la difesa della Virtus, già 15 punti per il lungo americano nel primo quarto, i turchi allungano. Banchi chiama tempo per riordinare le idee dei suoi e l’ingresso dalla panchina di Lundberg e Pajola sembra dare nuovo slancio ai bianconeri che tornano a mettere la testa avanti sul 25-24 al 9’.

La second unit della Virtus tiene inizialmente bene, ma il Fener continua a colpire proprio dove il dente bianconero duole, sottocanestro, e si riporta avanti. La squadra di Itoudis compie però l’errore di eccedere nel tiro da fuori e permette ad una Virtus combattiva di riprendersi con merito la testa sul 36-35 al 15’. L’intelligenza cestistica di Hackett e Shengelia, ma anche la prova di un Cacok molto positivo ribaltano ancora il punteggio con la Virtus che si porta avanti 41-35. Nella ripresa la Virtus prende in mano la sfida, il Fener si innervosisce con Itoudis che prende un tecnico, continua a protestare e viene così espulso dalla terna arbitrale, per un presunto sfondamento non fischiato a Shengelia. I 2 liberi Belinelli valgono il +11 bianconero sul 57-46 al 24’. Dunston oltre al marchio di fabbrica della difesa, ci mette anche qualche punto in attacco, ma la differenza per i bianconeri la fa il solito strepitoso Toko Shengelia. Sono 5 punti di Smith a cavallo dell’ultimo stop a permettere alla Virtus di toccare il massimo vantaggio sul +15 sul 73-58. Il Fenerbahce prova a ricucire lo strappo, Banchi chiama tempo per riordinare le idee e in effetti la Virtus, al cospetto di una delle squadre più forti e profonde dell’Eurolega soffre, ma tiene la testa 85-74 con una tripla di Abass che gli dà ossigeno. Il Fener risale fino a -6, ma alla fine a festeggiare è meritatamente la Virtus e i 7mila della Segafredo Arena.

Il tabellino

VIRTUS BOLOGNA 87 FENERBAHCE ISTANBUL 79 SEGAFREDO BOLOGNA: Hackett 14, Smith 8, Belinelli 8, Shengelia 15, Dunston 5; Lundberg 9, Pajola 2, Dobric 11, Abass 5, Cacok 10, Mascolo ne, Menalo ne. All. Banchi. BEKO ISTANBUL: Wilbekin 13, Guduric 9, Motley 25, Hayes-Davis 10, Papagiannis 2; Sanli 7, Mahmutogli 5, Calathes 8, Madar, Sestina, Dorsey ne, Hazer ne. All. Itoudis. Arbitri: Garcia, Jovcic, Balak. Note: parziali 25-27, 46.44, 70-58. Tiri da due: Virtus 22/33; Fenerbahce 26/44. Tiri da tre: 9/28; 5/24. Tiri liberi: 16/21; 12/13. Rimbalzi: 34; 32.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su