Ascoli, pari amaro con la Sampdoria. Primo tempo da record, poi il rigore

L’Ascoli avanti grazie a Nestorovski si fa riprendere da Borini dagli undici metri. Nel finale il miracolo di Viviano su De Luca evita la beffa

8 ottobre 2023
Ascoli, pari amaro con la Sampdoria. Primo tempo da record, poi il rigore
Ascoli, pari amaro con la Sampdoria. Primo tempo da record, poi il rigore

ASCOLI

1

SAMPDORIA

1

ASCOLI (4-3-2-1): Viviano; Bayeye, Bellusci, Botteghin (dal 41’ s.t. Quaranta), Falasco; Caliagara (dal 25’ s.t. Giovane), Di Tacchio, Falzerano; Mendes, Rodriguez (dal 25’ s.t. D’Uffizi); Nestorovski (dal 34’ s.t. Manzari s.v.) Panchina: Barosi, Bolletta, Haveri, Gnahoré, Kraja, Adjapong, Milanese, Masini All. Viali

SAMPDORIA (3-5-2): Ravaglia; Ghilardi, Murru, Gonzalez; Stojanovic (dal 38’ s.t. Girelli), Kasami (dal 38’ s.t. Vieira), Yepes, Verre (dal 46’ s.t. Askildsen), Barreca (dal 35’ s.t. De Luca); S. Esposito, Borini (dal 35 s.t. Giordano) Panchina: Stankovic, Panada, Ricci, Lotjonen, Malagrida, La Gumina, Delle Monache All. Pirlo

ARBITRO: Collu di Cagliari

MARCATORI: 49’ pt Nestorovski, 7’ st rig. Borini

NOTE: 7.517 spettatori (3.324 abbonati, quota di 26.268,40 euro), incasso complessivo di 74.185,40 euro; ammoniti Nestorovski, Di Tacchio per l’Ascoli, Murru, Stojanovic, Gonzalez, Ghilardi per la Sampdoria; tiri in porta 4-4; tiri fuori 8-4, fuorigioco 2-1, corner 6-1; recupero 4’ pt, 5’ st.

Un’altra amarezza per il Picchio. I bianconeri contro la Samp giocano un primo tempo fantastico e poi nella ripresa, dall’episodio del rigore in poi, cambia tutto. Finisce 1-1 con l’Ascoli che avanti con merito grazie a Nestorovski e poi si fa riprendere da Borini dagli undici metri. Nel finale il miracolo di Viviano su De Luca evita la beffa. Ci si è sicuramente divertiti nel match andato in scena al Del Duca, anche se magari poi l’epilogo non è stato quello che un po’ tutti attendevano. Ai nastri di partenza Viali non cambia molto rispetto allo schieramento di Brescia. L’unica novità è in mediana con il ritorno di Caligara dal primo minuto nei panni di mezzala destra. Pirlo prova a risolvere i problemi cambiando modulo e portiere: 3-5-2 e Ravaglia tra i pali. Un pasticcio difensivo dei blucerchiati regala all’Ascoli il primo corner dell’incontro e dalla bandierina Falasco sfiora il fulmineo vantaggio. A salvare sulla linea è Borini. Il meritato vantaggio viene mancato prima da Rodriguez, poco freddo sotto porta, poi da Botteghin. Il gol è nell’aria e negli ultimi istanti del primo tempo a gonfiare con merito la rete è Nestorovski. La solita ingenuità evitabile però rovina l’avvio di ripresa. Nel giro di pochi minuti si passa dal possibile raddoppio al pari degli ospiti. A rimettere in vita i liguri è Caligara con uno sciagurato intervento su Esposito, lesto a soffiargli la palla in area. Dal dischetto Borini ha la meglio su Viviano nonostante l’intuizione. Il Picchio, dopo aver speso molto, inizia a sentire la fatica e questo consente ai liguri di provare a cercare il colpaccio. Il miracolo di Viviano su De Luca ai titoli di coda evita il peggio. L’imbattibilità della formazione di Viali prosegue.

Massimiliano Mariotti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su