Spogliatoi: l’esultanza del tecnico. Castori: "Straordinari»

Volti finalmente sorridenti in sala stampa per questo Ascoli che torna alla vittoria in casa dopo tre mesi (26 settembre,...

17 dicembre 2023
Castori: "Straordinari"
Castori: "Straordinari"

Volti finalmente sorridenti in sala stampa per questo Ascoli che torna alla vittoria in casa dopo tre mesi (26 settembre, 2-0 alla Ternana), praticamente una vita fa. Il tecnico Fabrizio Castori ha finalmente dato la sua impronta alla squadra fatta di grinta, corsa e tanto pressing. Difficile trovare un suo calciatore che non abbia raggiunto la sufficienza.

Mister Castori finalmente ha visto il ‘suo’ Ascoli?

"Partita straordinaria giocata da tutta la squadra. Siamo riusciti ad aggredire il Catanzaro, una squadra che se la fai giocare ti fa male. La vittoria è davvero importante. Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare, il risultato forse ci va anche stretto perché le parate le ha fatte Fulignati e non Viviano".

Tanto pressing, tanta corsa e tanta determinazione per sopperire alle carenze tecniche?

"Abbiamo aggredito sempre senza concedere nulla all’avversario. Per vincere si deve curare ogni particolare. I ragazzi hanno messo ancora qualcosa in più per raggiungere quello che serviva. La squadra può ancora crescere. Queste quattro partite non sono il termometro giusto. Possiamo e dobbiamo ancora crescere, ma la strada da seguire è questa".

Già contro lo Spezia nonostante la sconfitta si era però visto che qualcosa era cambiato?

"Oggi è arrivato anche il risultato, ma non abbiamo modificato nulla rispetto alle prestazioni precedenti. Queste partite le vinci se sei squadra. Ci abbiamo messo impegno, cuore, determinazione. Il mio è un calcio di aggressività e corsa. Voglio dedicare questa vittoria alla tifosa Duilia e alla figura del Presidentissimo Costantino Rozzi il cui anniversario ricorre tra due giorni. Giocare con i calzettoni rossi e vincere è stato un bel modo per ricordarlo".

Felicissimo anche il bomber Pedro Mendes al suo settimo centro stagionale: "Sono felicissimo per la vittoria – ha ammesso il portoghese – e per la mia rete. E’ stato un bel gol, l’assist di Pablo Rodriguez è stato importante, io ho fatto un passaggio a lui e Pablo mi ha fatto un bel regalo. Complimenti a tutta la squadra, abbiamo giocato un primo tempo buono, un secondo tempo buonissimo. Abbiamo corso tanto, fatto pressing e lottato tutti insieme. Questa vittoria è molto importante per i tre punti, era ora che tornavamo a vincere in casa. Mancano ancora due partite alla fine del girone d’andata. Sembra che abbiamo fatto tantissimo ma in realtà abbiamo conquistato solo tre punti. Fino a gennaio dovremo farne altri, ma questo è l’atteggiamento giusto".

E’ stato chiamato in causa una sola volta nel primo tempo, e il portiere bianconero Emiliano Viviano ha risposto alla grande non facendosi sorprendere: "Oggi non mi sono guadagnato lo stipendio perché sono rimasto inoperoso – ha scherzato in conferenza stampa l’estremo difensore dell’Ascoli – Sono contento per la squadra, deve essere la vittoria della svolta, sono orgoglioso dei miei compagni, di Nestorovski e Gnahoré che ci hanno incitati da fuori, di Bellusci che ha giocato con due costole rotte, di Adjapong, che ha giocato a mille i pochi minuti che è stato in campo".

Valerio Rosa

Continua a leggere tutte le notizie di sport su