Atalanta, uragano Scamacca: in un’ora a Empoli due gol, due pali e un assist

Il 24enne centravanti nerazzurro lunedì sera seguito dal ct Spalletti in tribuna

di FABRIZIO CARCANO -
31 ottobre 2023
Scamacca, bomber dell'Atalanta

Scamacca, bomber dell'Atalanta

Bergamo, 31 ottobre 2023 – L’uragano Gianluca Scamacca si è abbattuto su Empoli in un’ora da record: due gol, una terza rete annullata, due pali, un assist per la rete di Koopmeiners. L’impatto del 24enne centravanti romano, dopo alcune settimane di stallo, è stato devastante. L’Atalanta lunedì sera è balzata al quarto posto a quota 19 punti grazie a una superba prova del collettivo, ma soprattutto grazie alla forza d’urto del corazziere capitolino. Alla seconda ‘grandinata’ stagionale: alla terza giornata contro il Monza, in un altro 3-0, Scamacca aveva segnato altri due gol e colpito un altro palo. In due partite fanno quattro gol e tre legni. Ora però all’azzurro, a segno due settimane fa a Wembley contro l’Inghilterra per il suo primo gol in nazionale, serve continuità, realizzativa e di rendimento.

Sarà quello il successivo obiettivo del giocatore e di Gasperini, che dopo la partita contro l’Empoli ha giustamente osservato: “È stato Scamacca show ma la squadra lo ha messo nelle condizioni di rendere al meglio. Scamacca era partito bene, poi ha avuto qualche acciacco, ma adesso sta recuperando. Se ha continuità, la condizione migliora, ma ha dei margini. Ha le potenzialità per diventare un giocatore sempre migliore".

Lui, il bomber ritrovato dopo un digiuno in nerazzurro durato quasi due mesi, dal 2 settembre al 30 ottobre, ha tenuto il profilo basso, ringraziando Gasperini (“Mi ha migliorato nella condizione e nei movimenti. In campo penso solo a divertirmi e aiutare la squadra”), consapevole di dover ancora dimostrare tanto ad alto livello.

Otto gol con il Genoa nel 2020-21, il doppio, 16 reti, la stagione successiva al Sassuolo, prima di spaccare il volo in Premier League con il West Ham: con gli Hammers ha segnato sei gol, ma giocando quasi solo spezzoni, e ha contribuito alla vittoria in Conference League, pur chiudendo la stagione ad aprile per un infortunio al ginocchio. Classe 1999, ora Scamacca è atteso al salto di qualità con un’Atalanta che punta a un posto Champions e con l’Italia: ad ammirarlo dalla tribuna del Castellani di Empoli c’era il ct azzurro Luciano Spalletti. Che si è lustrato gli occhi vedendo l’uragano Scamacca abbattersi su Empoli.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su