Bologna mercato: per Arnautovic addio vicinissimo, oggi si decide. Marko vuole solo l’Inter

Rilancio nerazzurro, Fenucci sente Marotta. Idee Muriel-Petagna, occhio all’estero

di MASSIMO VITALI -
14 agosto 2023
Marko vuole solo l’Inter
Marko vuole solo l’Inter

Bologna, 14 agosto 2023 – L’offerta dell’Inter sta per collimare con i desiderata del Bologna. Il pressing del calciatore (e del suo entourage) in queste ore è furioso come quello del miglior Bologna di Motta. E in questa storia c’è un Thiago che non ha alzato un muro di fronte alla prospettiva di perdere il suo calciatore più talentuoso.

Approfondisci:

Thiago contro il tempo. Big in uscita, Milan alle porte Un altro Bologna da inventare

Thiago contro il tempo. Big in uscita, Milan alle porte Un altro Bologna da inventare

La somma di questi tre elementi fa di Marko Arnautovic un attaccante con un piede e mezzo fuori dall’uscio di Casteldebole, pronto ad infilare entrambi nella nuova casa nerazzurra.

E’ la prospettiva attorno a cui Bologna e Inter, attese oggi da un confronto decisivo, lavoreranno per trovare un accordo su tutta la linea.

I due club ieri non potevano certo santificare la festa di fronte a un’operazione in grado di cambiare radicalmente i connotati del mercato rossoblù.

Per il Bologna lasciar partire Arnautovic a Ferragosto significherebbe due cose: avere già in tasca, o almeno in testa, il nome del sostituto e nel frattempo investire di un enorme carico di aspettative, forse perfino eccessivo, l’erede designato Zirkzee.

Ma tant’è. L’accelerazione di ieri sull’asse Bologna-Inter c’è stata ed è maturata quando si è capito che il club nerazzurro, non avendo alternative percorribili per tappare la falla del centravanti fisico e di manovra che insegue Simone Inzaghi, avrebbe fatto ‘all in’ sul Marko rossoblù.

Tutto sul Marko significa che l’iniziale offerta nerazzurra di 3,5 milioni è lievitata a 8 milioni più di 2 di bonus. La somma fa 10 milioni, cifra tonda di fronte alla quale vacilla anche la presunta ‘maginot’ eretta da Giovanni Sartori, fino a ieri strenuo difensore dell’incedibilità di Arnautovic.

Al di là delle parole che in questi casi sanno tanto di gioco delle parti per alzare il prezzo il Bologna, che su Arna aveva già chiuso le porte in faccia alla Roma, certo non poteva evitare di ascoltare un club ‘politicamente’ strategico come l’Inter, specie quando l’offerta dal punto di vista economico (e per un attaccante di 34 anni) è così allettante e il bisogno di mettere soldi nelle casse per completare la squadra dichiarato.

In più c’è il fattore Arnautovic, per nulla disposto a non salire sul treno per la Pinetina, rendendosi conto che alla sua età questo sarebbe l’ultimo convoglio di lusso a transitare dalle sue parti.

Pressing feroce, dunque, da parte di Marko e del fratello-agente Danijel, e Bologna che, nella persona dell’ad Fenucci, oggi si confronterà con Marotta per limare gli ultimi dettagli e per definire il gruzzolo da reinvestire sul sostituto.

Già, chi arriverà al posto di Arnautovic? Ieri circolava il nome di Andrea Petagna, centravanti-operaio del Monza in cerca di rilancio; ma è un profilo che non sembra scaldare molto Motta.

Muriel dell’Atalanta, non rientrando più nei piani di Gasperini, è un’opzione. Ma è probabile che l’identikit sul taccuino di Sartori sia un attaccante giovane ma già con una buona esperienza, pescato dai dragatissimi mercati del centro Europa. Luis Henrique Barros Lopes, detto Duk, classe 2000 capoverdiano dell’Aberdeen, è un’idea. Ma non certo l’unica.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su