Thiago Motta: squalifica di un turno e multa per le proteste

Bologna Fc: il mister non sarà in panchina per la gara casalinga con il Sassuolo. Stessa sorte anche per Simon Colinet, il preparatore atletico

di GIACOMO GUIZZARDI -
30 gennaio 2024
Motta è stato espulso per proteste alla concessione del rigore durante Milan Bologna
Motta è stato espulso per proteste alla concessione del rigore durante Milan Bologna

Bologna, 30 gennaio 2024 – Ha lasciato strascichi pesanti l’espulsione rimediata da Thiago Motta al termine della prima frazione di gioco della gara tra Milan e Bologna, con l’episodio del primo calcio di rigore assegnato ai rossoneri (infrazione di Ferguson ai danni di Kjaer interpretata probabilmente in modo errato da Massa) che ha fatto infuriare Thiago, espulso dallo stesso fischietto di Imperia.

Dall’Ara: il punto sullo stadio provvisorio

Il tecnico del Bologna ha infatti ricevuto una squalifica per una giornata di gara ed un’ammenda pari a cinquemila euro, per “avere, al 40’ del primo tempo, contestato platealmente e reiteratamente una decisione arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale”.

Ed è stato proprio nei confronti del quarto uomo Marcenaro che si è scatenata l’ira mista a incredulità di Motta, che chiedeva lumi sull’assegnazione del penalty. In panchina, sabato sera contro il Sassuolo, ci sarà quindi il vice di Thiago, Alexandre Hugeux. Lo stesso Hugeux conosciuto da Motta ai tempi del Paris Saint Germain (con un’esperienza importante nella formazione femminile Under 19 dell’Olympique di Lione), e che si trovò a sostituire il tecnico in occasione della sfida che vide lo Spezia, nel gennaio del 2022, sfidare il Genoa. Tra l’altro, per i corsi e ricorsi storici che tanto potrebbero fare sorridere e sperare i tifosi rossoblù, in quell’occasione gli spezzini trionfarono a Marassi grazie alla rete di Simone Bastoni, ora in forza all’Empoli.

Non solo Motta, però: pochi minuti dopo l’espulsione del tecnico italo-brasiliano, la stessa sorte è toccata a Simon Colinet, preparatore atletico di Motta, “per avere, al 43’ del primo tempo, assunto un atteggiamento provocatorio nei confronti del Quarto Ufficiale dopo l’esecuzione di un calcio di rigore da parte della squadra avversaria”.

Niente Motta contro il Sassuolo dunque, mentre il Bologna continua a preparare la sfida di sabato sera contro i neroverdi di Dionisi: Ndoye prosegue con il suo lavoro differenziato e punta alla gara contro il Lecce (tra dieci giorni) per tornare a disposizione, tutto questo mentre il mercato è oramai alle ultime curve. Il Bologna va a caccia di un’occasione in attacco, ma tutto (o molto) dipenderà dalla cessione di Van Hooijdonk.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su