Milan Bologna, un match all’ultimo respiro. E Orsolini firma il 2-2

I rossoblù ritrovano la loro forma migliore e si riscoprono in versione ‘impaurisci i grandi’. E tra rigori parati e sbagliati gli uomini di Motta portano a casa un pareggio importante

di GIACOMO GUIZZARDI -
27 gennaio 2024
Orsolini esulta dopo il gol su rigore del pareggio
Orsolini esulta dopo il gol su rigore del pareggio

Milano, 27 gennaio 2024 – Si infrange il tabù: Orsolini trova la sua prima rete in carriera contro il Milan, ed è il gol che vale il 2 a 2 all’ultimo respiro del suo Bologna contro i rossoneri.

Una serata condita di rigori – sbagliati e non –, di polemiche, di espulsioni (quella di Motta), ma soprattutto di gol: il Bologna, nonostante qualche errore di troppo, ritrova la sua forma migliore e si riscopre in versione ‘impaurisci-grandi’.

Approfondisci:

Milan-Bologna, Thiago Motta: “Amo questi ragazzi quando giocano così”

Milan-Bologna, Thiago Motta: “Amo questi ragazzi quando giocano così”

La gelida notte milanese la apre Zirkzee, con l’ottavo sigillo di questo campionato, prima della doppietta di Loftus-Cheek che sembra regalare al Milan una vittoria in rimonta. Nel mezzo, quasi fossero un dettaglio (ma dettaglio non sono), i due rigori sbagliati da Giroud prima (penalty assegnato da Massa che ha scatenato le polemiche di Motta) e da Hernandez poi.

Nel finale, all’ultimo respiro, ci pensa Orsolini. Il Bologna rialza la testa: ora occhi sul Sassuolo.

La partita Sorprende tutti Motta che lascia in panchina Orsolini: il tridente alle spalle di Zirkzee è infatti composto da Ferguson, Fabbian e Urbanski, con Aebischer e Freuler in mediana. In panchina dunque Orsolini, non senza polemiche sui social prima del fischio d’inizio.

Non cambia invece Pioli: confermato in blocco l’undici che ha battuto l’Udinese. Dopo il doveroso, meritato e sentito minuto di silenzio in onore di Gigi Riva, le squadre iniziano a studiarsi e, al momento opportuno, fioccano le prime occasioni: da una parte Zirkzee si mette in proprio e calcia di mancino, trovando Maignan, mentre il Milan si affida alle ripartenze sempre letali di Leao, che però non spaventano Skorupski.

Alla mezzora, invece, ecco che il risultato si sblocca: lancio lungo di Beukema su Zirkzee, Fabbian ci prova due volte senza fortuna, Calafiori riesce a toccare nuovamente per il centravanti che trova un pertugio. Ottava rete in campionato per Joshua, Bologna in vantaggio a San Siro. Poi, negli ultimi 5’ di gioco, succede di tutto: Massa indica il dischetto per un contatto che lascia più di qualche dubbio tra Kjaer e Ferguson (senza consulto al Var), Motta viene espulso per proteste (con Thiago che allontanandosi ha detto al quarto uomo “Vallo a rivedere, non c’è niente), Skorupski si esalta e para il rigore a Giroud mentre nel finale l’incursione di Calabria premia l’inserimento di Loftus-Cheek, che pareggia il match.

Pronti via e Zirkzee cestina la possibilità di trovare la sua doppietta, con una conclusione da pochi metri inspiegabilmente alta. Ma l’altalena di emozioni non si ferma: al 28’ Leao si infrange contro la manata di Beukema, dal dischetto questa volta va Theo Hernandez che non riesce a fare meglio del suo compagno, calciando addosso al palo.

Doccia gelata al 37’: cross di Florenzi, inserimento di Loftus-Cheek e rete (la seconda) dell’inglese, che porta i suoi avanti. Tutto finito? Macché. Orsolini entra e dà la svolta al match, sgasando sulla destra e cercando Kristiansen sul secondo palo, che finisce per terra. Massa non fischia, al Var lo richiamano e davanti allo schermo non può fare altro che assegnare il rigore per fallo di Terracciano sul danese. L’esito è già stato scritto: Orsolini batte Maignan, il Bologna ferma il Milan.

Il tabellino della gara

Milan-Bologna 2-2

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (14’ st Florenzi), Kjaer, Gabbia, Theo Hernandez; Loftus-Cheek, Adli (14’ st Musah), Reijnders; Pulisic (41’ st Terracciano), Giroud (15’ st Jovic), Leao (41’ st Okafor). All. Pioli. A disp.: Mirante, Sportiello, Simic, Pellegrino, Jimenez, Zeroli, Chaka Traoré. BOLOGNA (4-1-4-1): Skorupski; De Silvestri (37’ st Lucumi), Beukema, Calafiori, Kristiansen; Freuler; Fabbian (37’ st Orsolini), Aebischer (21’ st Moro), Ferguson, Urbanski (21’ st Saelemaekers); Zirkzee. All. T.Motta. A disp.: Bagnolini, Ravaglia, Ilic, Karlsson, Corazza, Lykogiannis.

Arbitro: Massa di Imperia.

Reti: 29’ pt Zirkzee, 45’ pt Loftus-Cheek, 37’ st Loftus-Cheek, 47’ st Orsolini (rigore)

Note: ammoniti al 2’ pt Calafiori, al 22’ pt Leao, al 39’ pt Ferguson, al 44’ pt Adli, al 47’ pt Loftus-Cheek, al 12’ st Urbanski, al 45’ st Terracciano. Espulso al 41’ pt Thiago Motta per proteste, al 44’ pt Colinet. Al 42’ pt Skorupski para un rigore a Giroud. Al 30’ st Hernandez sbaglia un calcio di rigore.

Rivivi le emozioni del match

Continua a leggere tutte le notizie di sport su