Dani Alves esce dal carcere: pagata cauzione da 1 milione di euro

Il calciatore brasiliano è stato condannato in primo grado a quattro anni e mezzo per stupro

25 marzo 2024
Dani Alves davanti alla corte di giustizia spagnola

epa11231010 (FILE) Brazilian former soccer player Dani Alves sits on the dock during his trial for alleged sexual assault at Barcelona's Court in Barcelona, Spain, 05 February 2024 (reissued 20 March 2024). A Barcelona court ruled on 20 March that Alves could be released from jail on a one million euro bail after serving a quarter of his four-and-a-half-year sentence for sexually assaulting a young woman in the bathroom of a nightclub in Barcelona in December 2022. The ruling also included the confiscation of both the player's Brazilian and Spanish passports. EPA/ALBERTO ESTEVEZ

Barcellona, 25 marzo 2024 – Un milione di euro. Tanto è servito per far uscire dal carcere Dani Alves, calciatore ex capitano della nazionale brasiliana condannato in primo grado a 4 anni e mezzo per stupro.

L’ex esterno blaugrana ha lasciato oggi il carcere di Brians 2, a Barcellona, dov'era detenuto dal 20 gennaio 2023 dopo aver pagato la cauzione di un milione di euro.

Perché era in carcere Dani Alves

Dani Alves è stato condannato in primo grado a 4 anni e mezzo di prigione per lo stupro di una ragazza nella discoteca Sutton di Barcellona nella notte fra il 30 e il 31 dicembre 2022.

Il quarantenne brasiliano ha dovuto consegnare i suoi due passaporti, quello brasiliano e quello spagnolo e avrà l'obbligo di firma settimanale. 

Il tribunale ha disposto anche a 5 anni di libertà vigilata, dopo la fine della pena, e 9 anni di obbligo di allontanamento ad almeno 1 km di distanza dal domicilio della vittima, oltre a 150.000 euro di risarcimento dei danni.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su