Fiorentina, Italiano: "Stiamo bene. Rispetto per il Napoli, ma vogliamo dargli filo da torcere"

La trasferta di Napoli chiude il secondo ciclo terribile di partite per la Fiorentina. L’allenatore viola predica grande attenzione, poi la squadra potrà tirare il fiato

di ALESSANDRO LATINI -
7 ottobre 2023
Vincenzo Italiano alla vigilia di Napoli-Fiorentina

Vincenzo Italiano alla vigilia di Napoli-Fiorentina

Firenze, 7 ottobre 2023 - Dalla Conference League al campionato. Dal Ferencvaros al Napoli. Poi per la Fiorentina sarà tempo di tirare il fiato grazie alla sosta per gli impegni della Nazionale.

Squadra che arriva bene alla trasferta del 'Maradona', come confermato anche da Vincenzo Italiano, intervenuto al sito ufficiale del club per presentare la partita che attende i suoi ragazzi. "La squadra sta bene, arriviamo da un bel momento con diversi risultati positivi. Abbiamo lavorato bene dopo la partita di coppa che ci ha lasciato qualcosa di positivo a livello caratteriale con quella rimonta. La partita di domani l'abbiamo preparata con grande attenzione: sappiamo cosa fare contro una squadra forte e vogliamo ben figurare. Rispettiamo tanto il Napoli, vogliamo però dargli filo da torcere". Su cosa avete lavorato in particolare? "Non abbiamo più il pensiero di trovare alibi o scuse per il poco tempo a disposizione, pensiamo solo alla forza dell'avversario. Dobbiamo essere bravi ad entrare in clima partita in così poco tempo, preparandoci a fare una grande prestazione". Giovedì è arrivata una reazione furiosa. E' l'aspetto migliore che si porta dietro dalla coppa? "Sì, lo confermo e l'ho detto ai ragazzi. Avevamo pensato la partita in maniera totalmente diversa, cercando di prenderla in mano dal punto di vista del risultato. Una volta che si è complicata siamo stati bravi a riprenderla in mano con i subentrati. Sono un valore aggiunto per qualsiasi squadra, alla fine siamo usciti tra gli applausi con grande orgoglio. Lo stadio ci ha trascinati e li ho visti entusiasti nonostante la non vittoria. Spero che questo clima continui a lungo". Come è cambiato il Napoli da Spalletti a Garcia? "Il Napoli è forte da tanti anni ed è tra le prime. Grandi giocatori e bravi allenatori, ha calciatori di livello mondiale. Domani sarà un test molto impegnativo. Sappiamo cosa ci aspetta, dovremo sudare tantissimo per ottenere punti, ma per quello ormai siamo abituati". La panchina potrà essere determinante come giovedì sera? "Sempre, in tutte le partite. Quando entrano con mentalità e spirito battagliero si può mantenere intensità e si può andare forte per cercare il risultato. La mentalità di chi subentra deve essere questa. Stiamo rispondendo bene, lo richiediamo e qualche risultato dalla panchina sta arrivando". Alessandro Latini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su