Milan ai quarti di finale di Coppa Italia: 4-1 al Cagliari nel segno di Jovic e Theo

Doppietta per il serbo su assist del francese, primo gol per il classe 2004 Traoré e poker finale di Leao: cori della Curva Sud per il portoghese dopo i fischi con il Sassuolo

di ILARIA CHECCHI -
2 gennaio 2024
Luka Jovic e Rafael Leao esultano dopo il gol del 4 a 0
Luka Jovic e Rafael Leao esultano dopo il gol del 4 a 0

Milano, 2 gennaio 2024 – Prima sfida dell’anno per il Milan che questa sera ospita a San Siro il Cagliari per cercare la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia e per iniziare al meglio il 2024 dopo la vittoria di misura, ma preziosissima, contro il Sassuolo in campionato. Alla fine i rossoneri vincono 4-1 grazie alla coppia Theo-Jovic, con il francese assistman per la doppietta decisiva del serbo, all’acuto 2004 Chaka-Traoré e al gol del subentrato Leao: inutile la rete di Azzi. Atalanta-Sassuolo di domani alle 18 decreterà i prossimi avversari del Diavolo in Coppa.

In campo

Stefano Pioli mescola le carte concedendo un po’ di riposo ai titolarissimi come Leao, Giroud, Pulisic, Loftus-Cheek, Kjaer e Florenzi, reduci da un tour de force importante, abbassando l’età media dell’undici titolare a 23 anni: spazio, infatti, ai classe 2005 Simic e Jimenez e ai 2004 Romero e Chaka Traoré, una scelta ponderata e condivisa pienamente dalla società.

Tra i pali rossoneri c’è Mirante, in mezzo Adli a far coppia con Reijnders, a destra Chukwueze gioca l'ultima prima di partire per la Coppa d’Africa (Bennacer è già partito con la sua Algeria), con Luka Romero ad agire sulla trequarti, e Chaka Traorè nel ruolo di Leao. Privo di Lapadula (frattura composta alle costole), Ranieri risponde con la coppia offensiva Petagna-Luvumbo, ispirata da Mancosu: tra i pali c’è Radunovic, conb Makoumbou che si riprende il posto davanti alla difesa.

Moncada

Geoffrey Moncada prima della partita ha commentato il ritorno di Matteo Gabbia dal prestito al Villareal: “Avevamo bisogno di un buon difensore, per noi è molto importante. É un giocatore solido, un serio lavoratore. Da domani sarà con noi. Abbiamo bisogno di difensori visti gli infortuni ma dobbiamo valutare tutte le opportunità: non posso fare nomi, dobbiamo lavorare in segreto, valutare ogni situazione e capire chi possiamo prendere.

Il Decreto Crescita? Noi dobbiamo lavorare per portare i giocatori giusti per il Milan a prescindere: decreto o no, non è un problema”. “Sono molto contento di tornare, mi sono trovato bene al Villarreal ma il mio sogno è sempre stato quello di giocare in rossonero. Pioli mi ha chiesto se stessi bene” le prime parole di Gabbia, atterrato in serata in Italia e pronto domani a sostenere le visite mediche e ottenere l’idoneità sportiva.

Premiata ditta Theo-Jovic

Il direttore di gara Prontera dà il via al match e il Cagliari è subito pericoloso con il corner di Mancosu per Petagna che anticipa tutti sul primo palo e costringe a una grande parata Mirante che alza il pallone sopra la traversa. Il Diavolo risponde subito con Adli che verticalizza per Jovic ma Radunovic para il sinistro del serbo.

Al quarto d’ora Calabria e Chukwueze combinano a destra, ma il nigeriano non calibra bene il pallone di ritorno per il capitano, inseritosi da solo in area di rigore vanificando così una buona chance. Poco dopo Chaka Traoré prova il destro al volo, ma la sua conclusione finisce a lato, seguito a ruota da Jimenez ma il cross del giovane è troppo lungo per chiunque.

Al 29’ il pressing di casa raccoglie i suoi frutti con Jovic che, su gran palla di Theo Hernandez, controlla in area e di sinistro batte Radunovic per l’1-0-. La risposta del Cagliari arriva con la punizione centrale di Mancosu, finita altissima, ma è ancora la premiata ditta Theo-Jovic a punire i sardi prima dell’intervallo: ripartenza del francese che arriva al limite dell'area e tocca per il serbo che di destro batte un Radunovic tutt’altro che reattivo.

Prima gioia Traoré

Nessun cambio all’intervallo e il match riparte con gli stessi interpreti del primo tempo e il Diavolo pesca il 3-0 dopo pochi giri d’orologio: Jimenez crossa per Chukwueze, che liscia col mancino e permette a Traoré di prendere il pallone e girarsi col destro. Radunovic buca ancora ed è 3-0 Milan. Florenzi prende il posto di Calabria mentre Azzi e Pereiro sostituiscono Jankto e Petagna tra i rossoblù: con il match in controllo Pioli decide di dare qualche minuto a Leao e a Pulisic al posto di Romero e Traorè, mentre Di Pardo lascia posto a Zappa e Sulemana rileva Mancosu.

Leao prova a ritrovare il gol ma il suo destro a giro in area viene rimpallato: con gli ingressi di Zeroli e Bartesaghi al 79’ (al posto di Reijnders e Jimenez) diventano sei gli under 20 schierati dal Milan stasera ma è ancora Leao a provarci dal limite dell'area senza fortuna. Dopo il 3-1 pescato da Azzi (su deviazione di Simic) è il portoghese a calare il poker al 92’ trovando l'angolino alla sinistra di Radunovic e sbloccandosi finalmente sotto porta dopo l’infortunio. Il Diavolo inizia, così, al meglio il suo 2024 nel segno dei giovani.

Tabellino

MILAN-CAGLIARI 4-1

RETI: 29’ Jovic (M), 42’ 29’ Jovic (M), 50’ Traoré (M), 87’ Azzi, 92’ Leao (M).

Milan (4-2-3-1): Mirante; Calabria (61′ Florenzi), Simic, Theo Hernandez, Jimenez (79′ Bartesaghi); Adli, Reijnders (79′ Zeroli); Chukwueze, Romero (70′ Pulisic), Traoré (70′ Leao); Jovic. A disp. Maignan, Nava, Kjaer, Nsiala; Loftus-Cheek; Giroud. All. Pioli.

Cagliari (4-3-1-2): Radunovic; Di Pardo (72′ Zappa), Obert, Wieteska, Hatzidiakos; Deiola, Makoumbou, Jankto (63′ Azzi); Mancosu (72′ Sulemana); Petagna (63′ Pereiro), Luvumbo. A disp. Aresti, Scuffet; Capradossi, Goldaniga, Viola; Oristanio. All. Ranieri.

Arbitro: Prontera di Bologna

Ammoniti: 58′ Di Pardo, 69′ Deiola, 89′ Azzi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su