Anche Beruatto è out. In difesa uomini contati

Fuori Barberis per infortunio, ma Aquilani ha comunque possibilità di scelta. E in attacco (pur senza Torregrossa) non mancano le alternative.

di MICHELE BUFALINO -
16 dicembre 2023
Anche Beruatto è out. In difesa uomini contati
Anche Beruatto è out. In difesa uomini contati

Ancora una volta le scelte di formazione saranno condizionate dalle tante assenze. Ben otto infatti sono i giocatori out per motivi di forza maggiore, che sia la squalifica di Simone Canestrelli oppure gli infortuni. Così Alberto Aquilani si ritrova a ridisegnare il reparto arretrato, visto lo stop forzato anche di Pietro Beruatto, fermato da un dolore alla caviglia che "si porta dietro da tempo", come ammesso dall’allenatore, mentre sullo sfondo continuano le voci di mercato e gli interessamenti del giocatore da parte di squadre di Serie A, anche alla luce del suo cambio di procuratore.

Difesa a tre o a quattro? E’ questo uno dei dilemmi del tecnico nerazzurro che dovrebbe comunque partire a quattro. Esteves dovrebbe essere affiancato da Barbieri che prenderà il suo posto sulla sinistra, ma Aquilani potrebbe invertire la posizione dei due ragazzi, anche perché tutti gli altri terzini sono infortunati e non c’è molto margine di scelta. Non solo Beruatto, ma anche Calabresi e Jureskin infatti non sono a disposizione. Al centro della difesa saranno tre i calciatori a giocarsi due maglie, tra Caracciolo, rientrato dopo un lungo stop, Leverbe ed Hermannsson.

"Caracciolo ci è mancato tanto ed è importante per questa squadra – ha dichiarato Aquilani ieri in conferenza stampa –, siamo contenti che sia tornato perché ci da uno spessore di cui abbiamo bisogno". Uno dei rebus di Aquilani è relativo come sempre alla cerniera di centrocampo. Miguel Veloso potrebbe partire ancora dalla panchina. Barberis è assente, ragion per cui si va verso la conferma del duo composto da Marin e Piccinini, nelle ultime uscite sempre preferiti a tutti gli altri. Restano a disposizione anche Nagy, sempre più defilato, così come De Vitis, ancora lontano dalla sua prima presenza stagionale. Sulla trequarti l’imbarazzo della scelta. Potrebbe essere arrivata l’occasione di Arena, sulla destra, mentre D’Alessandro dovrebbe essere confermato a sinistra. Valoti invece prenderà il suo posto verosimilmente dietro l’unica punta Gliozzi, ma Aquilani ha parlato di "possibilità", relativamente all’ipotesi di partire dallo stesso undici in campo nella seconda parte della sfida con il Catanzaro, ragion per cui Moreo potrebbe tornare in campo dal primo minuto, nonostante un cattivo impatto sabato scorso sulla partita. Attenzione anche a Lisandru Tramoni, mentre più defilate sono le posizioni di Jan Mlakar ed Emmanuel Vignato. Quest’ultimo non è ancora entrato al 100% negli schemi della squadra, mentre Mlakar resta un oggetto del mistero, non avendo ancora fatto il salto di qualità in campionato, nonostante due assist, un bottino comunque ancora troppo magro.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su