I cinque motivi per non perdere Pisa-Ascoli

Scontro salvezza nell'ultima gara casalinga del 2023

22 dicembre 2023
Marius Marin, grande assente della partita a causa della squalifica
Marius Marin, grande assente della partita a causa della squalifica

Pisa, 22 dicembre 2023 - Che partita sarà Pisa-Ascoli? Certamente una gara da non perdere dato il momento delle due squadre. Scopriamo perché. GRADINATA RIAPERTA - Contro l'Ascoli, dopo oltre un mese, riaprirà la gradinata dell'Arena Garibaldi. Il tifo nerazzurro ha già scelto di tornare al suo posto con la Curva Nord che ha annunciato in pompa magna il ritorno sugli spalti dello stadio pisano. Un'atmosfera diversa da quella delle ultime settimane. Attesi questa volta anche 8000 spettatori all'interno dell'impianto. IL PISA NEL 2023 - Peggio del Pisa solo la Ternana. I nerazzurri hanno ottenuto solo 36 punti in 36 partite nell'anno solare. La Ternana invece 34. E l'Ascoli? Non ha fatto tanto meglio dei nerazzurri, con soli due punti in più rispetto al ruolino di marcia pisano. CALCIOMERCATO ALLE PORTE - Gennaio sarà il mese del calciomercato nel corso della sosta che durerà dal 27 dicembre 2023 al 13 gennaio 2024, giorno della prima sfida del girone di ritorno. Nei primi giorni del nuovo anno inizierà la finestra di trattative. Occorre al Pisa fare risultato in queste ultime due gare, altrimenti sarà molto difficile accaparrarsi i giocatori migliori per risolvere le criticità che affliggono la squadra. Ai nerazzurri servono almeno uno o due attaccanti più un difensore centrale di altro profilo, ma la lista over è piena e per ingaggiare bisognerà anche cedere. PARTITA SALVEZZA - Pisa-Ascoli sarà scontro salvezza. A dichiararlo è stato anche il tecnico degli ascolani Fabrizio Castori. Dalla parte dei nerazzurri c'è il ruolino contro formazioni in basse posizioni di classifica. Ben 16 dei 18 punti conquistati dalla squadra di Aquilani sono giunte contro team nella parte bassa della classifica. Qualcosa vorrà dire. LA VITTORIA DEL 2016 - Senza soldi, senza corrente, a porte chiuse, ma con grande dignità. Se si pensa a Pisa Ascoli, si ricorda il precedente del 2016- Centinaia di tifosi hanno raccolto l'invito di Gennaro Gattuso e si sono radunati già prima del match a porte chiuse tra Pisa e Ascoli, all'esterno dell'Arena Garibaldi. I tifosi hanno così voluto abbracciare idealmente la squadra e ribadire il proprio dissenso all'attuale proprietà nerazzurra. Fa ancora storia il saluto a fine gara, quando Gattuso e giocatori salirono gli spalti per salutare i tifosi dalla Curva Nord. Michele Bufalino

Continua a leggere tutte le notizie di sport su