Giovane, ambizioso e ’sarriano’. La Spal punta tutto su Dossena

A Ravenna il tecnico lanciò Prati in regia, poi passato da Ferrara e oggi in serie A. Il suo modulo è il 4-3-3

21 giugno 2024
Giovane, ambizioso e ’sarriano’. La Spal punta tutto su Dossena

Giovane, ambizioso e ’sarriano’. La Spal punta tutto su Dossena

Andrea Dossena scalpita. Il tecnico lodigiano non vede l’ora di dire sì alla Spal, mettendosi alla prova nella prima piazza davvero importante da quando ha appeso le scarpette al chiodo cominciando la carriera da allenatore. Dossena compirà 43 anni poche settimane dopo l’inizio del campionato di serie C, rappresentando un profilo completamente diverso da quello di Mimmo Di Carlo che qualche mese fa ha spento 60 candeline. Del resto, la rivoluzione compiuta dal presidente Tacopina non poteva prescindere da un cambio di allenatore. E la figura di mister Dossena in via Copparo convince davvero tutti, dal nuovo direttore sportivo Danzè a Joe, che aveva deciso di puntare su di lui a maggior ragione quando l’uomo mercato sembrava dovesse essere Alex Casella, con lui la scorsa stagione alla Pro Vercelli.

Chi lo ha seguito da vicino negli ultimi anni alla guida di Ravenna, Renate e Pro Vercelli assicura che la Spal ha pescato uno dei migliori giovani tecnici in circolazione. Un allenatore ambizioso, con le idee chiare, che si ispira a Maurizio Sarri e punta sempre a vincere segnando un gol più dell’avversario. Il 4-3-3 è il modulo di riferimento di Dossena, che a Ravenna – dove ha lanciato un giovanissimo Matteo Prati in cabina di regia – è arrivato secondo in serie D arrendendosi soltanto di fronte a un Rimini oggettivamente più forte.

A Renate in serie C era in seconda posizione fino a fine novembre, poi un mercato di gennaio non particolarmente importante e una flessione fisiologica hanno fatto scivolare la squadra brianzola in ottava posizione. Comunque in zona playoff, centrati pure la scorsa stagione alla Pro Vercelli attraverso lo stesso piazzamento.

Curiosamente, pure coi piemontesi è rimasto nelle prime posizioni fino al giro di boa, per poi attestarsi all’ottavo posto. "Non mi piace andare in panchina e annoiarmi durante le partite – ha affermato nel corso della sua presentazione a Vercelli –. Non troverete mai una mia squadra che difenderà l’1-0. Sono un allenatore giovane, esigente: chiedo tantissimo e non accetto scuse.

Tra gli allenatori ammiro Sarri e mi ispiro al suo modello e al suo modulo. La mia idea è una variazione del 4-3-3. Lavoro tanto sul modulo: non mi piace cambiare e non riesco a capire e leggere gli allenatori che cambiano di volta in volta".

La Spal non ha davvero più dubbi: l’allenatore della prossima stagione sarà Andrea Dossena. Stefano Manfredini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su