Spal, servono orgoglio e tre punti. Con la Juve è uno scontro diretto

Alle 18.30 al Mazza gara chiave per la zona salvezza. Rebus portiere, Buchel e Zilli probabili titolari

28 gennaio 2024
Spal, servono orgoglio e tre punti. Con la Juve è uno scontro diretto
Spal, servono orgoglio e tre punti. Con la Juve è uno scontro diretto

La presenza del presidente Tacopina e il debutto del nuovo socio Follano sugli spalti del Mazza coincideranno col ritorno della Spal alla vittoria? Inutile dire che la gara con la Juventus Next Gen si profila incandescente sotto tutti i punti di vista, col gruppo Curva Ovest Ferrara che nel corso della settimana ha attaccato senza mezzi termini anche la squadra di Colucci, chiamata a sfoderare una prova d’orgoglio conquistando tre punti fondamentali per la classifica. Fare bottino pieno permetterebbe ad Antenucci e compagni di agganciare proprio i bianconeri e la Recanatese a 24 punti, lanciando un importante segnale di vita a pochi giorni dalla fine del mercato di riparazione. Finora la sessione invernale ha portato a Ferrara Buchel e Zilli, che oggi debutteranno dal primo minuto dopo lo spezzone effettuato domenica scorsa a Perugia. L’ex centrocampista dell’Ascoli dovrà dirigere le operazioni in linea mediana prendendo il posto dello squalificato Carraro, con Collodel e Contiliano confermati mezz’ali. In attacco invece toccherà ad Edera e Maistro assistere e rifornire Zilli che sogna un gol all’esordio nello stadio di corso Piave. L’unico dubbio che mister Colucci non ha sciolto in conferenza stampa è relativo al portiere.

Alfonso potrebbe recuperare, ma il problema al gomito con cui deve convivere non lascia tranquillo l’allenatore. In caso di forfait, stavolta tutti gli indizi portano a Galeotti che non vede l’ora di esordire nella prima squadra della Spal dopo lo splendido percorso effettuato qualche anno fa nel settore giovanile di via Copparo e le esperienze maturate in varie piazze di serie C. La pressione naturalmente è tutta sulle spalle dei biancazzurri, che hanno l’obbligo di tornare a vincere dopo un mese di astinenza. Ma più in generale, quel successo ottenuto con l’Olbia è stato l’unico degli ultimi tre mesi. La Juventus Next Gen non è certo una corazzata, ma dopo il fisiologico apprendistato nella categoria i ragazzi di mister Brambilla hanno inanellato una bella striscia di risultati utili di fila: cinque, con due vittorie e tre pareggi che hanno alimentato l’entusiasmo e la consapevolezza tra i bianconeri. Stavolta però la Spal non può davvero permettersi di fallire, con la speranza che la gara con la Juventus Next Gen rappresenti finalmente la svolta della stagione.

Stefano Manfredini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su