Promosse e retrocesse. Ecco la prossima A2

Con Livorno e Avellino si completano le avversarie di Rbr per la stagione 24/25

14 giugno 2024
Promosse e retrocesse. Ecco la prossima A2

Promosse e retrocesse. Ecco la prossima A2

Eccole qua, le magnifiche venti della A2 2024-2025. Il gruppo è stato completato mercoledì sera da Cantù (ko con Trieste promossa in A), Libertas Livorno 1947 e Del Fes Avellino, vincenti nelle decisive gare 5 di finale di B con Roseto e Montecatini. Una A2 a 20 squadre a girone unico, dopo i due raggruppamenti da 12 della stagione appena andata agli archivi. Dunque, una cura dimagrante di quattro squadre. Al di là dell’interscambio paritario con la A, con la discesa di Pesaro e Brindisi e la salita di Trapani a Trieste, il -4 è tutto nel rapporto con la B.

Detto di Livorno e Avellino come fresche novità, a salutare la compagnia sono invece Monferrato, Orzinuovi, Latina, Luiss Roma, Agrigento e Chiusi. Nella prossima A2, oltre naturalmente a Rbr, ecco anche tutte le altre rimaste: Forlì, Fortitudo, Udine, Cantù, Rieti, Verona, Torino, Vigevano, Cremona, Cividale, Piacenza, Milano, Cento, Nardò e Treviglio. Occhio però, perché il Gruppo Mascio è alle prese con l’unione con Orzinuovi e si dovrebbe trasferire lì.

Sarà una lunghissima regular season da 38 partite, al termine della quale la prima sarà promossa direttamente in A, dalla 2ª alla 7 ª faranno i playoff e dall’8ª alla 13ª avranno i play-in (due di queste ai veri e propri playoff). Settimane e mesi in giro per l’Italia, con inizio domenica 29 settembre e fine di regular season il 27 aprile, con in mezzo 8 turni infrasettimanali. Rbr percorrerà la bellezza di 11.852 chilometri, mettendo in conto l’andata e il ritorno verso i rispettivi palazzetti partendo dal Flaminio. I biancorossi ritroveranno Pesaro, la trasferta più breve coi suoi 34 km per arrivare alla Vitifrigo Arena. Occhio però a una novità già affrontata in passato, quella Brindisi distante 672 km. La seconda trasferta più lunga, dopo i 710 km che sono necessari per arrivare al palasport di Lecce che ospita Nardò. Il giro d’Italia in sette mesi.

Loriano Zannoni

Continua a leggere tutte le notizie di sport su