Venezia Unahotels 83-67, finisce il sogno di Reggio: in semifinale ci va la Reyer

I biancorossi restano in partita fino al 37', poi rimangono senza energie e un'Umana più solida e cinica prevale. Non bastano i canestri di Galloway e Black e la folata di Grant. Si chiude una stagione comunque positiva

di GABRIELE GALLO -
20 maggio 2024
Unahotels sconfitta saluta il pubblico

Unahotels sconfitta saluta il pubblico

Venezia, 21 maggio 2024 – Finisce, è proprio il caso di dirlo, all’ultimo fiato di gara 5 dei Quarti playoff la stagione 2023/2024 della Unahotels. Un’annata da considerare molto positiva per il quinto posto ottenuto in regular-season, le belle vittorie messe in cascina, specialmente sul parquet amico del PalaBigi, e per aver centrato l’obiettivo di accedere al barrage dello scudetto.

Resta il rammarico per una serie, quella contro la Reyer Venezia, che dopo il 2-1 preso a proprio favore, sembrava indirizzata verso i lidi biancorossi. Invece la grande prova balistica al tiro dei lagunari in gara 4 ha gettato le basi per il loro successo nella decisiva sfida di questa sera. Un match in cui Reggio ci ha provato, è rimasta in partita a lungo pur trovando punti e consistenza da pochi suoi elementi, ma ha ceduto di schianto nel finale, quando, palesemente, si è visto che i padroni di casa, sfruttando la profondità della panchina e il maggior tasso atletico, ne avevano decisamente di più. Un po’ di rammarico quindi per la truppa di Priftis, con la consapevolezza però di avere disputato un campionato da alta valutazione.

Come in gara 1 Reggio parte fortissimo (1-9) approfittando di una Reyer che, viceversa, entra in campo piuttosto supponente. Catechizzata dal proprio coach, Spahija, nel time-out la formazione orogranata esce dal medesimo ben più decisa e riequilibra in fretta il confronto con un controparziale di 12-0, passando a condurre (13-9) all’8 e chiudendo la frazione a +3.

Il secondo quarto è, quasi, una fotocopia del primo: perché l’Unahotels parte bene, Weber, come nei primi 10’, con un paio di sciocchezze ne interrompe il forcing, ma quando i padroni di casa si riprendono cinque lunghezze di margine arriva il protagonista che non ti aspetti: Sasha Grant firma tre “bombe” nel giro di un minuto e riporta avanti i biancorossi di un’incollatura. E all’intervallo lungo sono proprio gli emiliani ad avere, seppur di pochissimo, il naso avanti. Dopo una breve fiammata iniziale reggiana, firmata Galloway, il periodo si instrada su binari di equilibrio assoluto, con l’Umana più brava a sfruttare alcune ingenuità biancorosse nei secondi finali, che le fruttano il lieve vantaggio (58-55) con cui si arriva agli ultimi 10’. Il quarto conclusivo vive a lungo punto a punto, con giocate di pregio dei migliori elementi delle due squadre. Il momento decisivo del match arriva tra il 7’ e l’8’; Reggio, che pare in debito di energia, si inceppa in attacco mentre la Reyer riesce a trovare la forza per alzare ancora la fisicità e colpire impietosamente. I lagunari, con Simms e Parks, arrivano al +9. Un’altra palla persa e la tripla successiva di De Nicolao, chiudono, di fatto la contesa. Il 15-0 subito negli ultimi 4’ dalla Pallacanestro Reggiana dice tutto sul crollo fisico finale dei biancorossi

Il tabellino

UMANA: Spissu 11, Heidegger 2, Casarin, De Nicolao 5, Parks 11, Simms 14, Wiltjer 8, Tucker 25, Tessitori 7. N.e.:O’ Connell, Janelidze e Brooks. All.: Spahija UNAHOTELS: Weber 4, Galloway 18, Faye 7, Smith 6, Uglietti, Atkins 4, Black 12, Vitali 4, Grant 9, Chillo. N.e.: Bonaretti e Cipolla. All.: Priftis. Arbitri: Manuel Mazzoni, Guido Giovannetti, Andrea Valzani Parziali: 17-14, 40-42, 58-55 Note: tiri da 3: Umana 8/27, Unahotels 8/24; tiri liberi: Venezia 19/26, Reggio Emilia 11/18 .

Continua a leggere tutte le notizie di sport su