Indiani punta sugli ex all’assalto del Pontedera

Catanese in vantaggio su Guccione a supporto del centravanti, dietro Polvani verso la conferma con Chiosa. Attenzione a Del Pupo

9 febbraio 2024
Indiani punta sugli ex all’assalto del Pontedera
Indiani punta sugli ex all’assalto del Pontedera

di Luca Amorosi

AREZZO

Tra passato, presente e futuro. Per tanti degli amaranto che stasera affrontano il Pontedera fuori casa (calcio d’inizio alle 20.45) non sarà una sfida come le altre. Il direttore Giovannini torna sul terreno di gioco battuto ogni giorno per dieci lunghi anni, mentre Indiani guiderà il Cavallino da un perimetro che ormai conosce metro per metro. "Ci ho passato cinque anni bellissimi. Il tempo passa ma i ricordi restano", ha detto. E poi ci sono il vice Vettori, a lungo bandiera del Pontedera, capitan Settembrini, che lì ha spiccato il volo verso la B, ma anche i difensori Risaliti e Polvani e i mediani Foglia e Catanese, che neanche un mese fa era ancora tesserato coi granata. Il presente per tutti loro, però, è a tinte amaranto, simili eppure molto diverse. Diversa è anche la situazione di classifica, con la squadra di casa rivelazione con 38 punti e un Arezzo un po’ più attardato ma pienamente in linea con l’obiettivo salvezza. L’impegno è dunque ostico ma l’undici di Indiani vuole tornare alla vittoria e a fare gol: "Non segniamo da due partite – ha detto Indiani – e questo è il dato più sorprendente, però non ci condiziona. Siamo sereni". Fare punti servirebbe anche perché dietro l’angolo c’è un’altra trasferta impegnativa, a Cesena contro la capolista nel turno infrasettimanale. Indiani, però, non vuole farsi distrarre e non sembra dell’idea di fare turnover: "Al Cesena ci penseremo da sabato, in questi giorni abbiamo preparato solo questa gara. Se qualche rotazione ci sarà non dipenderà dal prossimo impegno". Probabile quindi che venga confermata l’ossatura dell’ultimo periodo: davanti a Trombini, ancora spazio a Donati e Montini sulle corsie laterali, mentre al centro Polvani e Chiosa sono in vantaggio su Risaliti. Ballottaggi serrati al centro, dove Damiani si ricandida a una maglia dopo la buona prova contro l’Entella, affiancato da uno tra Mawuli e Catanese. Quest’ultimo però potrebbe giocare anche qualche metro più avanti al posto di Guccione. Considerati insostituibili Gucci al centro dell’attacco e Pattarello a destra, a sinistra potrebbe toccare ancora a Gaddini, anche se Settembrini è una valida soluzione alternativa con caratteristiche diverse. Dall’altra parte, il tecnico Canzi dovrebbe schierare i suoi col consueto 3-4-2-1: da tenere d’occhio soprattutto i due talentuosi trequartisti Ianesi e Delpupo, reduce da una tripletta alla Recanatese. "Giocano bene, fanno un calcio propositivo e hanno la mente sgombra", avverte Indiani. Tra le fila dei locali anche l’aretino Martinelli e il cortonese Angori, probabili titolari entrambi per dare ulteriore pepe a una sfida dai mille risvolti tecnici e umani.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su