Rimini, il nodo è l’attacco. Centrocampo da puntellare

Reparto per reparto il club fa i conti con una rosa che da qui a qualche giorno potrebbe perdere pezzi. Il Benevento non molla Morra e Lamesta.

di DONATELLA FILIPPI -
23 giugno 2024
Rimini, il nodo è l’attacco. Centrocampo da puntellare

Rimini, il nodo è l’attacco. Centrocampo da puntellare

Tra arrivi, ma soprattutto ipotetiche partenze, c’è da perderci la testa. E soprattutto c’è da perdere un po’ di entusiasmo. Estate di attesa per i tifosi del Rimini che in queste prime settimane di mercato hanno sentito più parlare di partenze che di arrivi. Cosa che, per altro, si sarebbe potuta mettere in conto considerando i tanti giocatori sotto contratto e i tanti pronti a subire, magari anche piacevolmente, diversi corteggiamenti.

Difesa. Al momento i biancorossi hanno sotto contratto sei giocatori. Per l’esattezza tre centrali (Pietrangeli, Gorelli e Lepri) e tre terzini (Semeraro, Rosini e Acampa). Ma i tre centrali presto potrebbero diventare due considerando che Pietrangeli ha la valigia pronta. Destinazione Sudtirol. Presumibilmente già nei primi giorni di questa settimana. In stand by c’è Tofanari al quale il Rimini sta valutando se prolungare il contratto. Dicevamo, sei giocatori che diventano sette con Colombi, portiere di lusso in categoria che in tanti vorrebbero.

Centrocampo. Cinque i centrocampisti attualmente sotto contratto, Lombardi compreso, pronto a rientrare dal prestito al Pontedera. Megelaitis, Langella, l’under Leoncini e l’ex under Garetto. Oltre a Lombardi, appunto. Chiaro che il reparto necessita di più di qualche ritocco, dopo gli addii di Delcarro e Sala, ai quali i biancorossi hanno deciso di non rinnovare il contratto. Discorso più approfondito è in corso per Marchesi.

Attacco. Poi ci sono i bomber. E qui nelle ultime settimane ci si sarebbe potuto scrivere un vero e proprio romanzo. Con il finale ancora da scrivere, ovviamente. Perché il braccio di ferro per Morra e Lamesta con il Benevento (ma non solo con i campani) continua. Il club del presidente Vigorito è certo di riuscire ad accaparrarsi almeno il capocannoniere dei biancorossi mettendo sul piatto una pesante quantità di euro. Il Rimini non rinuncia a cuor leggero, rilancia con un adeguamento del contratto, e attende le mosse del giocatore. Che, con quella clausola rescissoria in mano, ha il coltello dalla parte del manico. Discorso diverso per Lamesta. Qui alla porta del Rimini bisogna bussare obbligatoriamente e per il Benevento l’operazione si complica. Anche se alla fine, si sa, sarà sempre la volontà del giocatore a fare la differenza. Ancora sotto contratto ci sono anche Ubaldi e Cernigoi ed entrambi potrebbero restare in maglia a scacchi anche la prossima stagione.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su