Serie D. Ora il Carpi corre come il Ravenna. Sabotic è stato dimesso

Il Carpi conquista la terza vittoria consecutiva, ma l'infortunio di Minel Sabotic passa in secondo piano. La squadra è in corsa per le chance di Lega Pro, con 7 partite casalinghe e solo 5 in trasferta. L'attenzione alta e il portiere Lorenzi senza gol incassati sono punti di forza. Sabotic è stato dimesso dall'ospedale senza problemi dopo lo scontro con Rossi.

6 febbraio 2024
Ora il Carpi corre come il Ravenna. Sabotic è stato dimesso
Ora il Carpi corre come il Ravenna. Sabotic è stato dimesso

Il brutto infortunio occorso a Minel Sabotic ha fatto giustamente passare in secondo piano l’importanza della terza vittoria di fila del Carpi colta a Sorbolo col Lentigione (foto Ac Carpi). Un filotto da 9 punti su 9 che i biancorossi aspettavano addirittura dal finale della stagione 2021-22, quando con Bagatti tornato al timone quel Carpi batté una dopo l’altra le prime due della classe (Ravenna fuori casa e Rimini in casa) e il pericolante Ghiviborgo, riaccendendo la fiammella dei playoff poi conquistati negli ultimi 90’. Ecco la vera grande differenza da allora è proprio nel fatto che oggi il Carpi appare pienamente in corsa per giocarsi le sue chance di Lega Pro in queste ultime 12 gare, anche perché la squadra di Serpini ne giocherà 7 fra le mura amiche del ’Cabassi’ e solo 5 in trasferta.

Il dato che conforta di più è quello dell’attenzione alta, che molte volte era mancata soprattutto in trasferta, ma che ha caratterizzato le ultime due gare esterne vinte a Lodi col Fanfulla (2-0) e Sorbolo (1-0) senza gol incassati dal guardiano Lorenzi, sempre più a suo agio nel ruolo di titolare nonostante gli appena 17 anni. E sono bastate queste 3 gare vinte per trasformare l’avvio di 2024 da fallimentare (un punto fra Prato e Borgo) a sostenuto, visto che a parte i 12 punti su 15 dell’Aglianese il Carpi è assieme al Ravenna (10 punti per entrambe) la squadra che nel girone è uscita meglio dalla sosta nelle prime 5 giornate del girone di ritorno, davanti alle altre rivali San Marino (9 punti come Imolese e Sangiuliano), Corticella e Forlì (8) e lo stesso Lentigione fermatosi a 7 dopo gli ultimi 2 ko. Solo le gare di domenica 18 diranno se la sosta di domenica 11 sarà un bene (per recuperare tutti gli infortunati) o un freno, ma il Carpi è tornato davvero in piena corsa.

Sabotic. Arrivano ottime notizie per il difensore del Lentigione (che abita a Carpi): ieri è stato dimesso dopo aver passato una notte in osservazione all’ospedale Maggiore di Parma, visto che gli esiti anche degli ultimi esami hanno confermato come, oltre alla botta alla testa e allo spavento, non ci siano altri problemi dopo lo scontro con Rossi al 97’.

Ora il giocatore osserverà un po’ di riposo prima di potersi rimettere in gruppo e se tutto è andato bene il merito è anche del medico sociale biancorosso dottor Giampiero Patrizi, ringraziato dal Lentigione sulla propria pagina, che ha gestito quei terribili attimi con grande professionalità.

Davide Setti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su