Alberto Bettiol e i suoi ricordi al Tour de France. La speranza italiana

Ha disputato cinque volte la Grande Boucle

di ANTONIO MANNORI -
7 giugno 2024
Alberto Bettiol (Foto Ansa)

Alberto Bettiol (Foto Ansa)

Firenze,7 giugno 2024 - E’ uno degli attuali corridori italiani in attività più bravi in assoluto. Trentuno anni essendo nato il 29 ottobre 1993 Alberto Bettiol corre nella EF Education EasyPost ed è professionista dal 2014 dopo trascorsi tra gli juniores e dilettanti ricchi di successi con il Giro della Lunigiana a tappe, una gara mondiale juniores, il Trittico Veneto, il Campionato Europeo a cronometro sempre negli juniores conquistato nelle Marche.

Approfondisci:

Firenze, sale la febbre per il Tour de France: una festa in nome di Gino e Gastone

Firenze, sale la febbre per il Tour de France: una festa in nome di Gino e Gastone

Un atleta esemplare per impegno e serietà che salì alla ribalta nel 2019 con la meravigliosa ed esaltante vittoria al Giro delle Fiandre, perché Alberto quando vince si esalta e rende entusiasmanti i suoi successi come nella Milano-Torino di questa stagione oppure come protagonista ammirato sempre al Giro della Fiandre 2024 quando fino a pochissimi metri dal traguardo sembrava in grado di finire sul podio. Nella sua carriera ha vinto una tappa al Giro d’Italia 2021, la diciottesima da Rovereto a Stradella per distacco con 17” su Roche e Bernal, e tanto per confermarsi con un finale entusiasmante. Numerosi anche i piazzamenti tra i quali un 2° al Bretagne Classic e un terzo al Giro di Polonia.

E’ stato cinque volte al Tour de France nelle ultime sette edizione. Nel 2017 alla sua prima presenza in Francia da ricordare il quinto posto nella terza tappa, con arrivo a Longwy vinta dal campione del mondo Peter Sagan, quindi la presenza nel 2019-2020-2022 (miglior piazzamento in classica con il 40° posto) e l’anno scorso quando concluse la corsa francese in 73^ posizione. Iniziò a gareggiare tra i giovanissimi grazie alla società locale di Castelfiorentino, vero e proprio vivaio giovanile, alle sue iniziative e che operava il reclutamento dei giovanissimi con il passaparola. Da dilettante dopo i primi ottimi risultati nel settore squisitamente giovanile, inizio nel Team Idea Shoes diretto dal compianto Franco Gini, per proseguire con la Mastromarco Sensi guidata da Carlo Franceschi, e storico sodalizio con il quale anche oggi Bettiol ha un bel rapporto di collaborazione essendo un po' la squadra che “adotta” ed alla quale dà una mano.

A 21 anni debuttò nei professionisti con il World Team Cannondale conquistando i primi piazzamenti in Polonia ed in Gran Bretagna mentre la grande soddisfazione per questo brillante atleta arrivò nella primavera del 2019 con il secondo posto nell’ultima tappa della Tirreno-Adriatico, quella tradizionale a cronometro a San Benedetto del Tronto. Alberto continuò ad essere protagonista e il 7 aprile ecco l’esplosione con la meravigliosa vittoria nel Giro delle Fiandre una gara che il campione di Castelfiorentino ama particolarmente. Bettiol scattò sul “muro” del Kwaremont a 18 km dal traguardo di Oudenaarde riuscendo poi a resistere al ritorno degli inseguitori. Una pagina meravigliosa di una carriera ancora lunga per Alberto Bettiol.

Antonio Mannori

Continua a leggere tutte le notizie di sport su