L’analisi. Per i gialli è il momento della verità. Più vicino il nono del settimo posto

È il momento della verità per la Valsa Group, quello in cui uscire dalle sabbie mobili di cinque 0-3 in...

22 gennaio 2024
Per i gialli è il momento della verità. Più vicino il nono del settimo posto
Per i gialli è il momento della verità. Più vicino il nono del settimo posto

È il momento della verità per la Valsa Group, quello in cui uscire dalle sabbie mobili di cinque 0-3 in sei partite e ripartire. Per il semplice fatto che non c’è alternativa, e forse farebbe bene a questa squadra non pensare al contesto, agli alibi che pure esistono e sono motivazioni concrete più che scuse accampate, ma che quando si è così in difficoltà possono servire soltanto ad auto-assolversi. La squadra è giovane, forse pecca di personalità, ha bisogno di crescere e l’ambiente Modena di certo è un ambiente che sferza. Sferza perché è abituato bene, sferza perché conosce bene il gioco, le sue dinamiche, sferza perché sa riconoscere talenti, difetti, elementi di lotta, dichiarazioni anche non verbali di resa. Tutto questo deve uscire dalla testa e dagli occhi di Davyskiba, di Sanguinetti, di Brehme, di Sapozhkov, tutti costrutti mentali dannosi e inutili. Il sostantivo frustrazione, usato ieri sia da Bruno che da Petrella, deve essere sostituito da un’altra parola femminile, molto azzeccata quando quello che servono sono reazione e ribellione allo stato delle cose: lotta. Se non può essere una squadra che governa le partite e le indirizza come vuole, Modena deve essere una squadra che lotta, qualsiasi cosa succeda. È il momento della verità, dicevamo, perché i gialloblù ora affronteranno Padova in trasferta, Civitanova in trasferta e poi giù in picchiata verso i due match consecutivi in casa contro Cisterna e Taranto: saranno in palio i punti per garantirsi i play off e capire se si può ancora ambire al sesto posto nelle ultime due giornate.

La classifica. Stante che le prime tre posizioni sembrano ormai assegnate senza più ulteriori discussioni a Trento, Perugia e Piacenza, dal quarto posto in giù c’è maggiore incertezza, anche se la Valsa Group sembra ormai tagliata fuori dalla corsa per quarta e quinta posizione, e può al massimo rincorrere la sesta, che però si fa lontana. I risultati di ieri sono stati i peggiori possibili, per Modena: hanno fatto punti sia Civitanova che Milano nello scontro diretto, ha vinto Monza da tre, ha vinto Verona da tre. Il che significa che, dietro alle prime tre ci sono Civitanova quarta a 27 punti, poi Milano a 26, Monza a 24 e Verona settima a 23. Modena è ottava a 19 e deve guardarsi le spalle: Cisterna, nona, ieri ha vinto 3-1 con Padova ed è a quota 16.

Alessandro Trebbi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su