Valsa riceve super Trento. È l’avversario peggiore

Partita sulla carta proibitiva per i ragazzi di Petrella quella al via alle 18. Il PalaPanini verso numeri da grandi occasioni per centrare l’impresa.

di ALESSANDRO TREBBI -
10 dicembre 2023
Valsa riceve super Trento. È l’avversario peggiore
Valsa riceve super Trento. È l’avversario peggiore

Se l’obiettivo è quello di risalire qualche posizione in classifica, anche se staff tecnico e dirigenza ci vanno coi piedi di piombo, di certo Trento è l’avversaria peggiore possibile in questo momento per riuscire nell’intento di togliersi dal settimo posto guardando verso l’alto.

La formazione di Fabio Soli sembrava in affanno a inizio campionato, qualche 3-2 di troppo (con Cisterna e Taranto nelle prime due di SuperLega), la sconfitta in Supercoppa Italiana per mano di Perugia. Poi però ha iniziato un cammino implacabile, fatto di sette successi consecutivi in campionato lasciando un solo punto per strada. Ecco allora che Sbertoli e compagni scenderanno lungo l’autostrada del Brennero per incassare di nuovo un bottino pieno ed effettuare il sorpasso su Perugia in testa alla graduatoria.

Modena lascerà strada facile agli avversari? Se saprà essere la formazione combattiva che ha dimostrato di poter essere, la Valsa Group potrebbe essere un cliente tutt’altro che semplice per l’Itas, soprattutto perché in grado di sfoderare un’arma, la battuta, che difficilmente guarda in faccia alla caratura degli avversari. Caratura di cui conosce bene la forma la Lube Civitanova, brutalizzata all’Eurosuole Forum da una prestazione monstre di Michieletto, Podrascanin e Rychlicki, l’opposto lussemburghese che era partito col freno a mano e che ora macina punti senza soluzione di continuità. Soli non dovrebbe derogare dalla formazione tipo (manca solo Nelli) e quindi verosimilmente Trento schiererà Sbertoli in diagonale principale con Rychlicki, Michieletto e Lavia alle ali, Podrascanin e Kozamernik al centro con Laurenzano libero. Dal canto suo Modena è uscita con cinque punti su sei dalla doppia trasferta di Cisterna e Taranto, ma ciò non le è bastato per risalire la corrente avversa di una classifica equilibrata e cortissima.

Federici tornerà a referto, ma difficilmente giocherà, così come un Osmany Juantorena che partirà dalla panchina come a Taranto: entrambi serviranno in piena salute a Catania, tra sei giorni. Spazio dunque a Bruno in diagonale con Sapozhkov, a Rinaldi e Davyskiba di banda, a Brehme e verosimilmente Sanguinetti al centro con Gollini libero, ma potrebbe anche succedere che coach Petrella si affidi alla costanza e all’esperienza di Stankovic. L’inizio del match in un PalaPanini che sicuramente supererà le 4mila unità è previsto per le ore 18, arbitreranno Cesare e Brancati con diretta su Volleyballworld.tv, su Radio Pico, sul canale Unovolley della piattaforma Spreaker. Per ciò che riguarda la nona giornata, si sono già giocate Perugia-PAdova (3-0), Cisterna-Lube (1-3) e Taranto-Piacenza (1-3), oggi invee si giocheranno Catania-Monza (16:30) e Verona-MIlano (20:30).

Continua a leggere tutte le notizie di sport su