Atalanta cooperativa del gol: con Bakker e Touré sono 19 i marcatori stagionali

In questa prima metà di stagione la Dea viaggia a 65 gol segnati in 32 partite tra campionato e coppe

di FABRIZIO CARCANO -
19 febbraio 2024
Mitchel Bakker festeggiato dopo il gol al Sassuolo nella gara al Gewiss Stadium

Atalanta's Mitchel Bakker celebrates after goal 3-0 during the Italian Serie A soccer match Atalanta BC vs US Sassuolo at the Gewiss Stadium in Bergamo, Italy, 17 February 2024. ANSA/MICHELE MARAVIGLIA

Bergamo, 19 febbraio 2024 – L’allegra cooperativa del gol dell’Atalanta è arrivata a 19 iscritti. In sei mesi la Dea ha mandato a segno quindici marcatori diversi in campionato e altri quattro comprendendo le coppe europee. Con il gol finale segnato dieci vivo nei a Genova da El Bilal Toure' e con quello siglato dall’olandese Mitch Bakker nel 3-0 rifilato sabato sera al Sassuolo sono 19 i nerazzurri che hanno segnato un gol in stagione. Partendo dalla difesa hanno infilato almeno una rete i difensori Bonfanti, Djimsiti e Scalvini (a segno in Europa League contro Rakow, Sturm Graz e Sporting Lisbona) e Kolasinac (contro la Lazio), tra gli esterni Holm (contro il Frosinone), Ruggeri (contro lo Sporting Lisbona), Bakker e Zappacosta (contro il Genoa), oltre a Zortea a segno all’andata contro il Sassuolo e poi ceduto a febbraio al Frosinone. Tra i centrocampisti sono andati a segno più volte Ederson, Pasalic e Koopmeiners. E ovviamente si sono iscritti al tabellino marcatori tutti i sette attaccanti ruotati, dagli ormai ex Muriel (sei gol) e Zapata (a segno ad agosto a Frosinone il giorno prima del trasferimento al Torino) ai vari Lookman, De Ketelaere, Scamacca, Toure’ e Miranchuk. Gli unici a non aver segnato finora sono i difensori Toloi e Palomino, peraltro poco utilizzati per i vari infortuni, il mediano Adopo, anche lui poco utilizzato, e i due veterani olandesi Hateboer e De Roon, loro invece molto utilizzati ma ancora a secco, pur essendo due giocatori da un paio di gol stagionali come media in carriera. In questi numeri però c’è uno dei punti di forza della Dea, squadra con una media di quasi due gol a partita in campionato, 47 gol in 24 giornate (ma la media si alza superando le due reti a partita aggiungendo i 5 gol in due gare di Coppa Italia e i 13 gol in sei gare di Europa League per un totale di 65 gol in 32 gare), dove tutti sono protagonisti a livello offensivo e realizzativo. Questo consente anche di poter fare a meno del cannoniere Ademola Lookman, 7 gol in 18 partite in campionato, assente ormai dal 30 dicembre, o di rinunciare per alcune domeniche a Teun Koopmeiners, anche lui 7 gol, o per alcune settimane tra ottobre e novembre al bomber Scamacca, 7 gol stagionali anche per lui.  

Continua a leggere tutte le notizie di sport su