Atalanta, Luca Percassi: “Il nostro obiettivo primario resta la salvezza a 40 punti”

L’amministratore delegato nerazzurro a SkySport ha parlato di mercato e strategie presenti e future

di FABRIZIO CARCANO -
15 novembre 2023
Luca Percassi e Gianluca Scamacca, l'attaccante acquistato in estate per poco meno di 30 milioni

Luca Percassi e Gianluca Scamacca, l'attaccante acquistato in estate per poco meno di 30 milioni

Bergamo, 15 novembre – Prima la salvezza per l’Atalanta. Che rimane l’obiettivo primario, obiettivo realizzato al 50% avendo la Dea già rastrellato 20 punti, la metà dei teorici 40 (ormai ne bastano 35-36) che garantirebbero la tredicesima salvezza degli orobici da quando sono tornati in serie A nel 2011.

A spiegarlo, ai microfoni di SkySport, l’amministratore delegato nerazzurro Luca Percassi, diventato in questi anni il mago del mercato con una serie di colpi, condotti anche personalmente, che hanno portato in nerazzurro i vari De Roon, Ilicic, Cristante, Mancini, Pasalic, Zapata, Muriel, Romero, Koopmeiners, Zappacosta, Hojlund, Lookman, fino all’ultima estate con gli arrivi di Kolasinac e Adopo a parametro zero o di De Ketelaere e Holm in prestito.

“Ogni anno abbiamo la responsabilità di costruire una squadra sempre competitiva. In questi anni siamo stati abituati a risultati soddisfacenti, ma dobbiamo conoscere - ha ricordato l’ad atalantino - la storia dell'Atalanta e da dove siamo partiti, per questo l'obiettivo primario è sempre quello dei 40 punti. Il sogno di papà era di vedere l'Atalanta in A per dieci anni di fila, direi che lo abbiamo superato".

Salvezza da mettere in cassaforte il prima possibile, ma l’Atalanta ovviamente guarda all’Europa grazie ad un mercato importante frutto delle strategie pluriennali messe in atto in questi anni dalla famiglia Percassi, strategia basata sul reclutamento e sulla crescita di giocatori da valorizzare e poi rivendere innescando importanti plusvalenze da cui vengono generati nuovi acquisiti.

L’esempio lampante l’operazione realizzata da Percassi jr, coi i suoi dirigenti Tony D’Amico e Lee Congerton, per il centravanti danese Rasmus Hojlund, acquistato dagli austriaci dello Sturm Graz per 17 milioni nell’agosto 2022, rivenduto per 75 milioni più 10 di bonus futuri al Manchester United a luglio, di fatto ad un prezzo quintuplicato rispetto all’acquisto: con questa cifra sono stati acquistati tre giovani di talento e potenzialità ancora da esprimere, il 22enne attaccante maliano El Bilal Toure’, oggi infortunato, il 24enne bomber azzurro Gianluca Scamacca e il 23enne esterno olandese Mitch Bakker, tre giocatori di età media di 23 anni a fronte di una sola cessione.

“Diciamo che ogni anno, in ogni sessione di mercato, cerchiamo di cambiare qualcosa e di ringiovanire. Il mercato è cambiato, la società adesso può fare investimenti significativi arrivando a giocatori di target superiori e le coppe europee ci danno visibilità. Scamacca? Siamo molto contenti di avere l'attaccante della Nazionale. È un bravissimo ragazzo che si è calato perfettamente nella nostra realtà. Per caratteristiche in campo e fuori sposa esattamente la nostra filosofia". 

Chiosa su Gian Piero Gasperini, all’ottava stagione consecutiva a Bergamo ma sotto contratto anche per la prossima stagione. “L'Atalanta ha avuto una grande fortuna di averlo nel suo percorso, ma credo che anche l'Atalanta sia stata una grande fortuna per il mister. Insieme abbiamo raggiunto risultati mai raggiunti. Ogni stagione si riparte da zero, il passato conta fino a un certo punto, conta il presente e quanto programmi poi il futuro", ha chiosato Luca Percassi.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su