Lewandowski ‘paperone’ della Polonia. A Euro 2024 c’è tanta Serie A

Il girone degli uomini di Probierz non è dei più semplici, a maggior ragione con così tanti infortunati

14 giugno 2024

Dopo un percorso a dir poco travagliato la Polonia è riuscita a essere tra le 24 di Euro 2024. L’aver chiuso il girone di qualificazione chiuso dietro Repubblica Ceca e Albania, davanti per un solo punto alla Moldavia, ha costretto Lewandowski e compagni a giocarsi il tutto per tutto negli spareggi dove sono riusciti a vincere contro Estonia e, soffrendo, contro il Galles. La squadra di Michal Probierz è stata inserita nel gruppo D con Olanda, Austria e Francia e la certezza è che per ottenere quell’ipotetico terzo posto, che potrebbe voler dire passaggio del turno, ci sarà da sudare parecchio.

Robert Lewadowski, i suoi gol saranno fondamentali per il destino della Polonia
Robert Lewadowski, i suoi gol saranno fondamentali per il destino della Polonia

Tanta Serie A e Lewandoski davanti, ma l'infermeria piena non aiuta

Le Aquile Bianche sono reduci da un Mondiale in Qatar dove erano riuscite a centrare la qualificazione agli ottavi dopo trentasei anni dall’ultima volta, salvo poi uscire contro la Francia. Nonostante ciò, la Federcalcio polacca decise di dare il benservito al tecnico Czeslaw Michniewicz dopo la fine del torneo, a favore di Fernando Santos. Il portoghese è durato poco: da gennaio 2023 a settembre, dopo la sconfitta contro l’Albania. Al suo posto promosso dall’under 21 proprio Probierz che è riuscito, in un modo o nell’altro, a portare la Polonia in Germania. Il tecnico di Bytom ha scelto il 3-5-2 come modulo di riferimento, ma che diventa molto facilmente un 5-3-2 visti gli interpreti. Una variante potrebbe essere data dal 5-4-1, ma il sunto è che questa squadra pensa (giustamente) prima a difendersi e poi ad attaccare. In porta c’è Szczesny e dunque si può stare al sicuro, la linea a tre la compongono Salamon, Dawidowicz e Kiwior. Mentre i due esterni, che si vedranno spesso bassi, sono il romanista Zalewski (autore di un gran gol contro la Turchia nell’ultima amichevole) e Przemyslaw Frankowski del Lens a destra. In mezzo occhi puntati su Piotr Zielinski, uno dei tanti non al meglio, che dovrà comporre il reparto con il mediano Slisz e Piotrowski. Insomma, la qualità del giocatore del Napoli serve e non poco. Davanti, nemmeno a dirlo, Robert Lewandowski e, in caso di coppia, ci potrebbe essere il veronese Swiderski. Oltre a un tasso tecnico non di primo pelo e un girone di ferro, a complicare le cose c’è anche la situazione infortuni: Milik è stato operato e non ci sarà, dunque via una soluzione interessante sia a partita in corso ma anche come coppia con Lewa; Zielinski non è al massimo della condizione e a Napoli ha giocato poco rispetto al solito; Lewandowski è quasi certo di saltare la prima partita dopo che contro la Turchia è uscito per una botta al ginocchio al 32esimo; Swiderski si è infortunato nell’ultima amichevole dopo aver esultato per il gol; dulcis in fundo, anche Kiwior ha giocato poco all’Arsenal e anche lui è stato fermo durante l’anno per qualche problema fisico. Le cose sono complicate per la Polonia e per questo sarà necessario che tutti riescano a fare un salto di qualità per centrare almeno il terzo posto, sperando poi nella matematica.

Probabile formazione (3-5-2): Szczesny; Bednarek, Dawidowicz, Kiwior; Frankowski, Piotrowski, Slisz, Zielinski, Zalewski; Swiderski, Lewandowski

Uomo chiave: Robert Lewandowski. Tutto l’attacco, e non solo, è sulle spalle del 9 del Barcellona.

Giovane da seguire: Nicola Zalewski. A livello italiano lo abbiamo imparato a conoscere come esterno a tutta fascia nella Roma di De Rossi, dove si è messo in luce ottimamente. In questo torneo potrebbe farsi notare anche a tutta Europa (nel bene e nel male per la Roma).

Giocatore più pagato nel club: Robert Lewandowski (Barcellona) 27,08 milioni di euro.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su